Il 2020 è finalmente arrivato e, con esso, il 5G inizia ufficialmente ad assestarsi anche nel nostro paese. Il nuovo standard di rete, infatti, sta iniziando a diffondersi tra i cittadini Italiani i quali potranno accedere ufficialmente ad un nuovo mondo della tecnologia.

Nel corso degli ultimi mesi, di fatto, il web è stato preso d’assalto da centinaia di notizie legate al nuova standard di rete e a tutte le tecnologie che ne derivano, come ad esempio l’Intelligenza Artificiale e l’Internet of Things. Come c’era da aspettarsi, purtroppo, non sono mancate le fake news che, in questo, hanno puntato a diffondere panico e disinformazione. Fortnuatamente, però, tutte le false notizie sono state smentite dagli esperti del settore. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Addio 3G: il vecchio standard abbandona ufficialmente gli Italiani

Di recente sono circolate online molteplici notizie legate al vecchio standard di rete 3G, secondo le quali quest’ultimo abbandonerà ufficialmente i nostri Smartphone. Tim, Wind, Tre, Vodafone e Iliad, infatti, sono realmente intenzionati a spegnere definitivamente tutte le antenne della vecchia rete.

Molteplici sono state le ipotesi legate allo spegnimento del 3G, tra cui ad esempio le radiazioni emesse dalle antenne. In realtà, però, la scelta presa dagli operatori è legata ad un’operazione di risparmio. Negli ultimi due anni, infatti, i principali gestori telefonici Italiani hanno svuotato le loro casse per realizzare la tanto attesa rete 5G e, per questo motivo, ad oggi recuperare il denaro speso rappresenta il un obiettivo fondamentale.

Attualmente, però, non bisogna preoccuparsi poiché lo spegnimento del 3G avverrà in un periodo abbastanza lungo così da permettere a tutti gli utenti di adattarsi ai più recenti standard di rete.