Quando iPhone ha sconfitto BlackBerry come fattore di forma dello smartphone per il futuro, lo ha fatto abbandonando le tastiere fisiche per un touchscreen gigante. E alla fine quello era probabilmente la miglior cosa. Ma penso che le tastiere puramente virtuali siano qualcosa a cui tutti ci siamo semplicemente abituati. Ecco perché le aziende tecnologiche continuano a mettere in evidenza tutte queste funzionalità come testo predittivo e feedback tattile per compensare l’imprecisione intrinseca di questi strumenti di digitazione.

Il futuro dei telefoni non sono le tastiere fisiche. Tuttavia, al CES 2020, Samsung scommette che il futuro dei telefoni potrebbero non essere le tastiere. SelfieType è una tastiera mobile invisibile.

SelfieType: che cos’è questa nuova tastiera mobile invisibile

SelfieType è una demo sperimentale molto precoce, il tipo di cosa per cui è stato creato il CES, sviluppato dal bizzarro programma C-Lab di Samsung. Gli utenti sostengono il proprio telefono e non digitano nulla davanti allo schermo. Sembra che stiano fingendo di usare una tastiera o perdendo la testa nello stesso modo in cui le cuffie Bluetooth ci fanno sembrare che non stiamo urlando a nessuno.

Ma solo perché non possiamo vedere la tastiera SelfieType non significa che non è lì. Il telefono usa la sua fotocamera per localizzare le dita e, usando un po ‘di intelligenza artificiale, può tradurre quei movimenti in battute effettive. Ci ricorda le nuove stampanti laser che abbiamo raccomandato nelle guide regalo per gli amanti della tecnologia anni fa.

Per quanto possa sembrare pulito, anche se funziona non sembra che possa sostituire completamente la necessità di una tastiera fisica o persino di una tastiera touchscreen.