Samsung, Galaxy Fold, Galaxy Fold 2, Xiaomi, Huawei

Samsung ha finalmente lanciato sul mercato il proprio Galaxy Fold, il dispositivo pieghevole che ha avuto uno sviluppo molti travagliato. Dopo una prima versione facilmente soggetta a danni accidentali dopo appena pochi giorni di utilizzo, il colosso coreano ha deciso di ritirare tutti i modelli in circolazione. Questa scelta ha permesso di riprogettare il device ed effettuare la correzione di tutti i problemi.

In molti hanno pensato che il Galaxy Fold si trattasse semplicemente di un esercizio di stile da parte di Samsung. Tuttavia, i piani futuri del brand fanno intendere l’esatto opposto. Samsung infatti ha intenzione di continuare a sviluppare smartphone pieghevoli e il prossimo anno sarà particolarmente interessante. La seconda generazione di Galaxy Fold molto probabilmente sarà caratterizzata dal lancio di due versioni.

La scelta da parte di Samsung serve anche per coprire il potenziale ingresso di LG nel segmento dei foldable. Il produttore potrebbe optare per realizzare due smartphone pieghevoli caratterizzati da due form-factor differenti. In questo modo è possibile incontrare maggiormente il favore del pubblico realizzando un’alterativa.

Il primo modello potrebbe seguire il design del Galaxy Fold di prima generazione, con in display che si piega verticalmente. La seconda variante invece potrebbe essere più simile al Motorola Razr, quindi con un design a conchiglia. La presentazione, secondo quanto indicato dai rumor, potrebbe avvenire il prossimo 11 febbraio, durante l’evento dedicato alla famiglia Galaxy S. Il lancio del secondo modello invece avverrà più avanti nell’anno e le stime indicano un possibile lancio ad agosot.

I prezzi saranno un altro fattore determinante per il successo della strategia foldable di Samsung. Lo smartphone pieghevole a conchiglia dovrebbe arrivare ad un prezzo di lancio di circa 850 dollari mentre il Galaxy Fold 2 costerà intorno ai duemila dollari.