Truffa via mail Amazon
Il phishing continua a presentarsi con una frequenza non indifferente, sfruttando sempre nuovi espedienti e utilizzando illecitamente il nome di tantissimi enti e aziende. La truffa, che arriva via mail, si pone l’obiettivo di ingannare le vittime riportando false informazioni caratterizzate da tono intimidatorio al fine di persuaderle ed esortarle a fornire alcuni dati personali da utilizzare in maniera inopportuna. Il tutto è facilitato da appositi link e file ideati dai cyber-criminali, che tramite questi hanno l’opportunità di danneggiare gli utenti inviandoli in pagine clone in grado di trafugare i dati lì inseriti. Nella maggior parte dei casi la truffa presenta alcuni elementi che consentono di identificarla ed eliminarla prima che possa creare problemi. Qui utilizziamo l’ultima truffa arrivata via mail a nome di Amazon per fornire dei consigli utili a stroncare il phishing. 

Truffa via mail a nome di Amazon: ecco come si presenta e come evitarla!

L’ultima truffa online segnalata arriva via mail e si nasconde dietro il nome di Amazon riportando un avviso che attira l’attenzione degli utenti colpiti. Il nome del colosso, estraneo all’intento fraudolento dei cyber-criminali, è infatti utilizzato per convincere gli utenti a procedere con il falso aggiornamento dei dati delle loro carte di credito e conti correnti. Un aggiornamento giustificato dall’impossibilità di procedere con i pagamenti e quindi di poter effettuare acquisti.

Trattandosi di un tentativo di phishing la comunicazione può apparire inizialmente innocua ma il link rappresenta il campanello d’allarme principale. Infatti, tramite questo i malfattori mirano ad ottenere i dati personali e quindi accedere ai risparmi delle vittime. Inoltre, altro fattore da tenere a mente è l’impossibilità di ricevere comunicazioni di questo tipo tramite email. Le aziende, le banche e i marchi noti e affidabili non richiedono di inserire informazioni personali suggerendo tramite URL la pagina a cui accedere. Quindi, email di questo tipo vanno semplicemente ignorate e cestinate. Così sarà possibile non rischiare alcun pericolo e proteggere le proprie informazioni personali senza andare incontro alla probabile perdita dei propri risparmi.