sms-whatsappTutti noi conosciamo been WhatsApp. La usiamo ogni giorno per entrare in contatto con amici, partner e parenti lontani attraverso messaggi, note vocali, chiamate e video chiamate. Si tratta anche di un importante strumento collaborativo per gruppi di lavoro, studio e semplice conversazione. Ha degli avversari ma nessuno pensava che il suo punto debole potessero essere gli SMS.

I cosiddetti shot messages sono altrettanto conosciuti e ad oggi utilizzati da miliardi di persone, proprio come l’app verde. Hanno l’incomparabile vantaggio di poter inviare messaggi senza connessione grazie ad un livello di rete che abbandona 4G, 5G e WiFi. Funzionano semplicemente attraverso la rete 2G di tipo GMS, da sempre sinonimo di grande copertura e stabilità. Ciò significa che funzionano sempre e comunque, anche laddove WhatsApp smette di funzionare a causa di malfunzionamenti alla rete ed ai server.

Google ha compreso l’importanza dei sistemi integrati multi livello e ha deciso perciò di lanciare un nuovo servizio chiamato SMS 2.0 che eredita le caratteristiche tipiche dei messaggini aggiungendo le funzionalità delle chat. Avremo ancora 160 caratteri ma saranno arricchiti dalla possibilità di poter sfruttare molte altre possibilità. Si parla, quindi, di SMS come chat.

Leggi anche:  Android Auto: dopo il nuovo aggiornamento, la notizia che spiazza gli utenti

 

SMS come chat sconfiggono WhatsApp: ecco la novità Google per i messaggi che non hanno bisogno di WiFi, 4G e 5G

Ad oggi i rapporti statistici diramati da Commify sull’utilizzo dei messaggi di tipo SMS descrivono una situazione ben precisa. Professionisti ed aziende continuano ad utilizzare tale sistema. Potrebbe sembrare antiquato ma resta una certezza nel momento in cui si vuole avere la certezza che un messaggio venga recapitato. Questo è possibile grazie alla rete 2G che, contrariamente al 3G, non verrà abbandonata.

Sulla base di questa considerazione BigG ha deciso di creare il competitor perfetto contro WhatsApp. Una applicazione che non necessita di reti ultra veloci e che riduce la competizione ad un nuovo tipo di ambiente software in cui convergono le chat che tutti noi conosciamo. L’app verde rischia di perdere il suo miliardo e mezzo di clienti a causa di una piattaforma innovativa ma ancora appartenente al ramo della “vecchia scuola”.