disserviziIn rete esiste un sito internet dal quale ogni consumatore ha la possibilità di scoprire i disservizi dei principali operatori telefonici nazionali, il suo nome è Downdetector ed è raggiungibile in maniera completamente gratuita indipendentemente dal sistema operativo o dal dispositivo effettivamente utilizzato.

A differenza di quanto realmente si potrebbe pensare, il servizio nasce e si sviluppa proprio grazie al costante apporto dei membri della community che, ogni giorno, provvedono ad inviare segnalazioni al sistema inerenti ad eventuali problematiche con le aziende del settore.

Il meccanismo è davvero semplice, nel momento in cui il possessore di uno smartphone si trova in difficoltà nell’effettuare chiamate o nel connettersi alla rete, invia un feedback Downdetector, il quale lo mostra nel grafico temporale nella parte alta della pagina dell’azienda in questione. Se nel breve periodo dovesse ricevere un numero sempre crescente di segnalazioni, allora questi provvederebbe a commutare lo stato della rete da Online down.

Leggi anche:  5G: ecco il trucco di Tim, Wind, Tre e Vodafone per aumentare le tariffe

 

Downdetector: quali dati sono fruibili sui disservizi?

Il consumatore che si recherà su Downdetector per scoprire le cause/conseguenze dei disservizi potrà godere di 3 informazioni molto importante:

  • Plugin Facebook con tutti i commenti dei segnalatori che hanno riscontrato in precedenza lo stesso problema.
  • Cartina geografica con la segnalazione delle aree più colpite, in tal modo quindi si capisce se la difficoltà è molto estesa o limitata ad una zona specifica.
  • Grafico temporale delle ultime 24 ore, su quest’ultimo si trova il numero di segnalazioni pervenute al sistema, se registrato un picco allora vi è stato un down della rete.

Il servizio è completamente gratuito e può essere utilizzato per controllare gli stati di TIM, Wind, Vodafone, 3 Italia, Iliad, Netflix, Spotify, Apple Music e molto altro ancora.