5G causerà estinzione razza umana

La tecnologia compie ogni giorno passi da gigante. Anche la possibilità di navigare sul web, fino a qualche anno fa era soltanto per pochi e con costi eccessivi. Adesso navighiamo in qualsiasi momento, sempre connessi con estrema facilità. Con il 5G le cose cambieranno ulteriormente. La nuova connessione infatti, andrà a rivoluzionare il mondo per come lo conosciamo.

Il 5G sembra essere ormai pronto e a preoccupare sono i dubbi sulla salute e sul consumo energetico derivante dall’uso di tale tecnologia. Proprio gli operatori si dichiarano preoccupati e devono intervenire. A dirlo è uno studio degli esperti del settore: Vertiv e 451 Research. La preoccupazione riguarda il consumo energetico della nuova tecnologia. Infatti, essendo tutto connesso, con il 5G si necessiterà di una banda nuova, utile per il potenziamento delle infrastrutture.

5G, preoccupano i consumi energetici

Al momento dai primi test effettuati, i dati non sono incoraggianti. Si ipotizza un incremento del 170% nel giro di 7 anni. Tim, Vodafone, Wind 3 Italia stanno pensando che a delle misure per arginare il problema.
La prima è quella dell‘Edge Computing, che è un sistema che permette di ridurre spazio e risorse nei data center. Il cloud sarebbe alla base di tutto, il quale archivierebbe i dati ai limiti della rete per permettere un risparmio di energia.

Leggi anche:  5G: le offerte di Tim, Wind e Vodafone avranno costi superiori ai 20 euro

Sembra essere la soluzione migliore da attuare in futuro. Mentre Vertiv, un’azienda americana che si occupa della produzione di infrastrutture di rete, ha analizzato di recente la rete 5G e il suo relativo consumo energetico.
Starebbe pensando insieme agli operatori una soluzione per contenere il consumo del 5G.