Aprile non è iniziato nei migliori di modi per i clienti di Poste Italiane, in particolare per i possessori di PostePay. Un nuovo tentativo di truffa si è diffusa via email e subito qualche dubbio è sorto.

Sebbene si tratti di uno dei soliti tentativi di phishing, chi non si è mai ritrovato davanti ad uno di questi ha avuto un attimo di dubbio. La Polizia Postale ha subito diramato un allarme e attraverso un post pubblicato su Facebook in molti sono stati avvisati.

PostePay: il phishing è sempre dietro l’angolo per i clienti che ne posseggono una

Il nuovo tentativo di truffa non è molto diverso dai precedenti: questo tipo di messaggio è stato utilizzato per cercare di truffare anche gli utenti di vari istituti bancari. In una email tipo, si può sempre leggere di un accredito bloccato. 

Leggi anche:  Postepay: il token difende i clienti Tim, Wind, Tre e Vodafone

Ad esempio, un messaggio di questa categoria potrebbe includere le diciture “Abbiamo ricevuto una segnalazione di un bonifico di *** euro, dal UFFICIO POSTALE 137. Per motivi di sicurezza la movimentazione è stata bloccata, confermare la vostra identità per sbloccare l’operazione“.

In allegato a queste email phishing è poi sempre presente un link che se cliccato riporta ad una pagina copia di Poste Italiane. Il nostro consiglio è di bloccare sempre i mittenti di queste email e di ricordare sempre che:

  1. Poste Italiane non comunica ai clienti PostePay di eventuali problemi via email o sms;
  2. I link che vi chiedono di effettuare un log in sono sempre segnale di truffe;
  3. diffidare da email e messaggi che alludono ad accrediti di cui non si ha alcuna notizia.