qualcomm snapdragon con modem 5G integrato

Qualcomm non fa in tempo a godersi i meriti del loro processore Snapdragon 855 con modem X50 che presto lancerà un SoC con un modem 5G integrato. Con questa architettura si farà spazio a una nuova generazione di dispositivi 5G più sottili, leggeri ed economici. Oggi tutti gli smartphone che puntano al 5G, tra cui il Galaxy S10 e Xiaomi Mi Mix 3, si poggiano su uno Snapdragon 855 con modem LTE separato.

Come annunciato dalla compagnia al Mobile World Congress 2019, dal prossimo anno la nuova generazione di CPU avrà un modem 5G integrato, derivante probabilmente da una variante dello Snapdragon X55. Il chip sarà più efficiente e piccolo, favorendo l’alloggiamento all’interno dei telefonino di batterie migliori e più capienti. Un SoC del genere consentirà inoltre di realizzare terminali 5G dal design ottimizzato.

 

Qualcomm sembra abbia scelto Samsung come produttore partner

Come specificato proprio da Cristiano Amon, presidente di Qualcomm, Samsung potrebbe essere il produttore principe a provare il nuovo modem 5G integrato, probabilmente in un Galaxy S11:

Leggi anche:  MediaTek Helio G, in arrivo i SoC mobile pensati per il gaming

L’integrazione del nostro rivoluzionario modem 5G con le tecnologie di elaborazione in un unico SoC è un passo importante per rendere lo standard maggiormente disponibile a livello globale. Decine di produttori e operatori mobili si sono impegnati a lanciare reti 5G e telefoni cellulari basati sui nostri modem 5G, già quest’anno.”

Stando alle comunicazioni di Qualcomm: “Samsung ha creduto subito alla nostra strategia, che vuole trasformare un concetto all’avanguardia in realtà, per questo stiamo mettendo le innovazioni di rete direttamente nelle mani dei consumatori, così da offrire la massima velocità e qualità possibile”.

Qualcomm prevede di portare il 5G anche sui notebook Windows, dato che a Barcellona il produttore di SoC ha lanciato la piattaforma Snapdragon 8CX 5G, che combina il SoC 7nm Snapdragon 8CC e il modem Snapdragon X55 5G. Ciò consentirà ai produttori di PC di offrire funzionalità “always-on” dalla prossima generazione di device.