Se facciamo un salto nel passato, alcuni di noi ricorderanno i primi telefoni e la prima rete mobile: il 2G; per chi la possedeva, è a conoscenza che non permetteva una vera e propria connessione ad Internet, difatti raggiungeva una velocità di 14.4 Kbps permettendo al massimo, l’invio e la ricezione di messaggi di posta elettronica. Durante gli anni, c’è stata una vera e propria evoluzione della tecnologia e i gestori telefonici Tim, Vodafone, Wind e 3 Italia oggi, nei loro pacchetti offrono la rete 4G.

L’evoluzione della rete mobile: dal 2G al 4G

Successivo al 2G, abbiamo la rete 3G che permetteva ai consumatori una vera e propria connessione ad Internet; la rete 3G raggiungeva una velocità fino a 384 Kbps e il consumatore poteva scaricare documenti di piccoli dimensioni e condividere contenuti multimediali. Subito dopo, è disponibile il 3GH + che raggiunge una velocità di 42,2 Mbps e il consumatore può guardare video in streaming in HD e ascoltare della musica; inoltre, è possibile giocare online o scaricare qualche applicazione.

Leggi anche:  4G: gli esperti segnalano problemi con Iliad, TIM, Vodafone, Wind 3 e MVNO

Da qualche anno invece, alcuni consumatori utilizzano la rete 4G che raggiunge una velocità di download di 326,4 Mbit e 86,4 Mbit per upload; è una rete super veloce, dove i consumatori possono guardare film in streaming, video in qualità HD e navigare in Internet senza nessun problema. Fra qualche anno, sarà disponibile la rete 5G che permetterà una navigazione in Internet ad una velocità mai vista prima e con sé porterà innumerevoli vantaggi; ad esempio, sarà finalmente sviluppata la guida semi-automatica e automatica nelle automobili.