Whatsapp OliviaUn nuovo messaggio Whatsapp sta mettendo in allerta tutti gli utenti che usano l’applicazione. Il pericolo arriva nelle chat e prende di mira tutti quanti, senza fare discriminazioni.

I contenuti inoltrati nelle conversazioni segnalate dalla Halton Brook Police su Twitter portano al manifestarsi di contenuti inappropriati che sono diventati l’incubo di tantissimi utilizzatori. Sono tutt’altro che innocui.

 

Whatsapp: nuovo pericolo in chat

Tutti ricordiamo il famigerato Momo, il fenomeno virale che ha investito e traumatizzato tantissimi utenti sul web. Il nuovo demone delle chat si chiama Olivia. Si tratta di un utente che si finge nostro amico con il solo scopo di truffarci a viso aperto. La minaccia prende di mira tutti, ma ad essere maggiormente interessati dal problema sono i giovani.

Spacciandosi per “amico di un amico” scatena il panico con messaggi apparentemente senza pericoli, che ben presto sfociano nell’inoltro di un link fraudolento che indirizza il malcapitato verso un sito a sfondo sessuale.

Il fenomeno trae origine proprio in Europa, dove il numero di segnalazioni pervenute a proposito del caso è in costante aumento. Coloro che per primi sono stati interessati dalla minaccia riferiscono che:

Il mittente si presenta come un amico con un nuovo numero, ma poi invia un’immagine pornografica. Se i tuoi figli usano l’applicazione, ti preghiamo di chattare con loro e controllare i loro messaggi“.

Come spiegato dalle autorità, il destinatario riceve un messaggio da numero sconosciuto. L’interlocutore si finge un amico che ha appena cambiato numero. Solo una scusa per agganciare la vittima. A questo punto il malintenzionato cattura l’attenzione dell’utente e nel corso della conversazione propone un link che contiene un URL sospetto che promette di visualizzare la foto del presunto amico. Un click e siamo subito dentro un sito pornografico.

Leggi anche:  WhatsApp, i gruppi sono stati rivoluzionati dopo questo nuovo upgrade

Sei stato diretto protagonista di questa vicenda? Hai segnalato a chi di dovere l’accaduto? Descrivici la tua personale esperienza e fai in modo che i tuoi figli non cadano nel tranello. Preserva la loro innocenza.