Sembra che Google stia entrando in un cosiddetto campo minato, anzi potremmo dire etico, poiché sta rinunciando ai suoi valori pur di guadagnare in Cina. The Great Firewall della Cina è la più grande operazione di censura su internet al mondo.

Lo stato cinese afferma che il cosiddetto Great Firewall è lì per promuovere l’armonia della società all’interno di una popolazione in aumento di miliardi di persone. Dunque, considera internet in Cina come parte del suo territorio sovrano. Otto anni fa, Google si ritirò dalla Cina, estraendo la sua barra di ricerca e altri servizi a causa dei limiti del paese alla libertà di parola. Ma ora sta progettando di rilanciare una versione fortemente censurata dei suoi servizi in Cina, secondo un informatore che ha parlato al sito di notizie online The Intercept.

Questo progetto, denominato Dragonfly, comprenderà una nuova versione fortemente censurata, comprese le app mobile. Verrà eseguita in collaborazione con un’azienda locale in Cina. La censura include risultati per ricerche che descrivono la polizia cinese o la brutalità militare (come il massacro di piazza Tiananmen), i siti pro-democrazia, i siti collegati al Dalai Lama e tutto ciò che riguarda l’indipendenza taiwanese o tibetana. L’informatore che ha parlato a The Intercept ha citato le preoccupazioni etiche su questo progetto di Google. Va bene progettare la tecnologia per aiutare il governo cinese a limitare i diritti umani dei propri cittadini? Dove “il rispetto per i valori cinesi” diventa “assistenza per opprimere il popolo cinese attraverso la censura”?

Leggi anche:  Google rilascia la nuova versione Chrome 71 per combattere gli annunci abusivi

Se Google decidesse di promuovere i suoi servizi in Cina sarebbe pro alla censura, ne vale la pena?

Google ha aderito ad uno specifico codice etico fin dall’inizio. In primo luogo, l’obiettivo principale dello sviluppo tecnologico dovrebbe essere quello di avvantaggiare il bene pubblico. Quindi contribuire alla società e al benessere umano, promuovere i diritti umani e proteggere il diritto all’autonomia di ogni individuo. In secondo luogo, ci sono disposizioni specifiche all’interno del codice contro l’assistenza nell’oppressione di una popolazione. Una cosa è rispettare le consuetudini e le leggi locali e un’altra è implementarle attivamente, come farà Google. Sarebbe altamente ipocrita per Google sfruttare i valori che gli hanno permesso di crescere fino al colosso che è oggi in gran parte del mondo – democrazia, libertà di parola, autonomia personale – e poi lasciarli cadere così.

Tra l’altro, se è una questione di profitti, la ricerca ha indicato che le società etiche sono più redditizie. Infatti, hanno dipendenti che sono orgogliosi di lavorare per la società e guadagnano rispetto e fedeltà dal pubblico. Stare in piedi e mostrare alla Cina il valore della partecipazione democratica nell’identificazione del valore aziendale probabilmente farà guadagnare a Google più rispetto ovunque. Questa sarebbe una soluzione sicuramente migliore di quella attuale.