HTC Exodus
un’immagine del progetto esploso con CAD

HTC Exodus è il nuovo smartphone dell’omonimo produttore che probabilmente non sarà il vostro preferito tra gli scaffali se accanto ci saranno i vari Huawei P20 Pro, Galaxy S9, LG G7 o l’iPhone X.

Svelato al mondo questa settimana, la particolarità che rende unico HTC Exodus è l’essere il primo smartphone di un noto produttore ad essere dedicato alla crittografia dei dati basato su blockchain. La tecnologia alla base della sicurezza nelle transazioni delle criptovalute come Bitcoin e Ethereum, offrirà lo stesso standard per i dati degli utenti. Che siano le proprie valute o altre informazioni, Exodus le manterrà sicure sul device, piuttosto che spostarle su una cloud dove sarebbero facilmente raggiungibili da malintenzionati alla ricerca di facili guadagni.

Perché lanciare HTC Exodus proprio ora

La scommessa di HTC sulla sicurezza implementata in uno smartphone non è campata in aria, ma poggia sui recenti scandali sulla sicurezza e la privacy violate delle persone. L’affaire Cambridge Analytica con Facebook, lo scandalo delle presidenziali USA nel 2016, le falle dei log Twitter ne sono un esempio. HTC sembra cogliere questa rinnovata sensibilità dell’utenza. E la relativa domanda di maggiori garanzie nel web incontra la sostanza di cui è fatto Exodus.

Leggi anche:  Smartphone del 2018: quali sono i materiali usati per costruirlo

Exodus supporterà applicazioni decentralizzate, chiamate DApps, e lavorerà su base Android. Verrà integrato un wallet digitale criptato blockchain per conservare valute virtuali e dati sensibili. HTC ha confermato che il terminale farà da nodo blockchain poiché sarà parte del network per migliorarne la sicurezza.

HTC non è il primo produttore in assoluto ad aver creato un terminale con blockchain. In aprile, Sirin Labs annunciò che la Foxconn avrebbe creato il suo Finney phone, ma la decisione di HTC ha una risonanza maggiore sul mercato. Exodus è un prodotto che esiste e perdura separatamente dai piani aziendali nel comparto smartphone. Infatti è un progetto direttamente emenato dal direttore HTC Phil Chen. Lui, con la sua divisione, si occupa proprio di applicare e migliorare la tecnologia blockchain ai prodotti aziendali.

Al momento non ci sono informazioni sul prezzo di lancio di Exodus, ma HTC sta valutando di accettare anche moneta virtuale per venderlo. Tuttavia, si può già ordinare sul sito ufficiale dedicato a Exodus.