ccleaner
CCleaner

CCleaner, il programma per computer più popolare tra gli smanettoni e non perché in grado di pulire il PC da file inutili e chiavi di registro obsolete, ha compromesso la sicurezza di 1.646.536 computer adesso potenzialmente vulnerabili a ulteriori attacchi. Tutto ha inizio qualche settimana fa quando Piriform, la software house dell’applicazione, fa sapere che i suoi server sono stati presi di mira dagli hacker. Malintenzionati che hanno infettato l’installer di CCleaner scaricato dagli utenti tra il 15 agosto e il 13 settembre.

Le versioni infettate sarebbero le seguenti: CCleaner v5.33.6162 e CCleaner Cloud 1.07.3191. E se in un primo momento non si pensava a chissà quali danni, con il consiglio di disinstallare le versioni in questione e procedere con l’installazione delle più recenti disponibili sul sito ufficiale, oggi le dichiarazioni degli esperti sono decisamente negative.

CCLEANER INFETTO, COME RIPULIRE IL PC?

I ricercatori di Talos, l’azienda di sicurezza informatica che per prima ha rilevato l’attacco ai server di Piriform, hanno spiegato che il funzionamento del malware, completamente invisibile agli occhi degli utenti, non è del tutto chiaro. Per questo motivo il nuovo consiglio per scongiurare ogni rischio è quello di formattare il computer e installare nuovamente il sistema operativo.

Leggi anche:  iPhone, ecco come migliorare la privacy nei messaggi

CCLEANER INFETTO, COME FUNZIONA IL MALWARE?

La versione di CCleaner infetta non permette la notifica e l’installazione di nuove versioni. Questo perché gli hacker hanno inibito la funzione in modo da aumentare la permanenza dell’applicazione malevola sui computer degli utenti. In questo modo, il malware all’interno di CCleaner, ha tutto il tempo di scaricare e installare applicazioni e strumenti non autorizzati per prendere il controllo del computer e dei file personali archiviati al suo interno.