Twitter ci prova di nuovo, Musk

Elon Musk continua a cercare modi per rilanciare il business in calo di Twitter. Il social sta ora valutando di mettere in vendita i nomi degli account di alcuni utenti dichiarati “inattivi”.

I dipendenti della piattaforma stanno discutendo della possibilità di attivare questa opzione almeno da dicembre per provare a generare nuovo reddito per l’azienda. Se va avanti, il che è ancora incerto, Twitter potrebbe organizzare aste in modo che gli utenti possano fare offerte per acquistare e possedere determinati account.

I nomi utente sono molto ricercati sia dalle aziende che dai privati, che potrebbero essere disposti a pagare ingenti somme di denaro per averli. Nel caso del proprietario di Twitter, l’account è @ElonMusk.

Attualmente la società vieta la vendita di nomi utente, ma ha finito per generare un mercato nero. Finora il primo a registrarsi era il primo a scegliere un nome, come accade con l’acquisto di domini web. Musk vuole cambiare questa regola e seguire le orme dell’app di messaggistica Telegram, che a ottobre ha dichiarato che avrebbe consentito le aste di nomi.

Come stanno andando le strategie di Musk

A dicembre, Musk si è assicurato quindi di iniziare ad eliminare gli account inattivi, circa 1,5 miliardi di utenti. Alcuni di questi potrebbero essere messi all’asta, anche se si hanno poche informazioni a riguardo. “Non è chiaro se il progetto andrà avanti e se il piano riguarderà tutti i nomi utente o solo un sottoinsieme”, osserva il quotidiano.

Lo scorso ottobre, Musk ha rispettato l’accordo che aveva chiuso ad aprile per acquistare Twitter per 44.000 milioni di dollari (circa 41.000 milioni di euro), un prezzo molto più alto del valore reale dell’azienda. Da allora, l’uomo d’affari ha adottato una serie di misure controverse per tagliare i costi e aumentare le entrate dalla piattaforma. Tra questi, Musk ha licenziato il 60% dello staff e lanciato un piano di abbonamento che consente l’acquisto della verifica dell’account.

FONTEthesaxon
Articolo precedenteLe applicazioni più scaricate nel 2022 e quelle dove la gente ha speso più soldi
Articolo successivoBill Gates sul Web3 e il Metaverso, l’IA ci aiuterà, ma non in questo caso
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it