OPPO, ColosOS13, Android 13, Update

Con l’avvicinarsi del Natale, OPPO ha scelto di fare un graditissimo regalo ai propri utenti. L’azienda ha annunciato l’arrivo di importanti cambiamenti per quanto riguarda le gestione degli aggiornamenti per i propri device.

Il debutto dell’interfaccia proprietaria ColorOS 13 ha permesso un cambio di passo non indifferente. OPPO ha confermato che il rilascio del major update Android è stato il più  veloce di sempre. Il produttore ha distribuito l’aggiornamento in maniera più veloce rispetto alle versioni precedenti.

Questo significa che molti più utenti possono contare sulle novità introdotte da ColorOS 13 e dalle migliore di Android 13 su cui è basato. Inoltre, non c’è più bisogno di aspettare numerosi mesi per provare sul proprio device le novità.

 

OPPO rivoluziona i propri aggiornamenti Android, i flagship riceveranno quattro major update e cinque anni di patch di sicurezza

Secondo le statistiche condivise dal produttore, a partire dal 18 agosto 2022 (giorno del debutto di ColorOS 13) il major update ha raggiunto 33 modelli di smartphone in tutto il mondo. Il valore è del 50% più alto rispetto al tasso di adozione della precedente versione con un numero di utenti raggiunti 3 volte superiore.

In abbinamento a questa migliore gestione degli update, OPPO ha anche confermato di aver esteso le proprie politiche in merito agli aggiornamenti di sistema. A partire da queste ore, il produttore garantirà ai propri utenti ben quattro major updates Android e cinque anni di patch di sicurezza. Al momento questa opzione è limitata ad alcuni modelli top di gamma selezionati. I device in questione saranno quelli rilasciati a partire dal prossimo anno.

Ricordiamo che ColorOS 13 è l’ultima versione dell’interfaccia proprietaria basata sul sistema operativo Android 13. Gli ingegneri del brand hanno lavorato per ottimizzare la user experience e renderla semplice ed intuitiva da utilizzare.

Il sistema è basato sull’Aquamorphic Design che include una serie di caratteristiche innovative come Smart AOD, Multi-Screen Connect e Home Screen Management. per esperienze d’uso smart e user-friendly.

Articolo precedenteApple ha finalmente rilasciato iOS 16.2, ecco le novità
Articolo successivoMonete virtuali addio? l’UE sta incominciando a fare sul serio
Alessio Amoruso
Economics & Marketing Student, Tech enthusiast, Star Wars Fan and Blogger