Neuralink di Elon Musk

Questa settimana, Neuralink, una società fondata da Elon Musk specializzata nella tecnologia dell’interfaccia neurale, ha svelato un esempio abbastanza sorprendente del suo lavoro.

In un video pubblicato giovedì, la società ha mostrato fino a che punto è arrivata a testare la sua tecnologia sui primati. Nel video, una scimmia macaco di nome Pager, che secondo Neuralink ha avuto un chip impiantato nel cervello per sei settimane, è stata in grado di giocare a videogiochi come Pong esclusivamente tramite il chip.

Questo è, oggettivamente, piuttosto sorprendente. Come Musk ha affermato giovedì in un tweet entusiasta: “Una scimmia sta letteralmente giocando telepaticamente a un videogioco usando un chip cerebrale.”

Il controllo cerebrale dei cursori dei computer da parte delle scimmie non è una novità“, ha detto a Insider il professor Andrew Jackson dell’Università di Newcastle, aggiungendo che le prime dimostrazioni comparabili di tecnologia come quella di Neuralink hanno avuto luogo nel 2002.

Un gruppo di ricercatori nel 2002 è stato in grado di dimostrare di poter far muovere a volontà un cursore sullo schermo di un computer da una scimmia, notando all’epoca che la tecnologia poteva essere utilizzata per aiutare le persone paralizzate a controllare gli schermi in un modo simile.

Un giorno saranno impiantati sulle persone

Jackson ha aggiunto che l’idea alla base della tecnologia risale agli anni ’60. Nel 1969, un ricercatore di nome Eberhard Fetz collegò un ago lungo un metro a un singolo neurone nel cervello di una scimmia e fu in grado di addestrare la scimmia a muovere quell’ago usando solo la sua attività cerebrale.

Neuralink, che è stata fondata nel 2016, sta sviluppando un microchip, che teoricamente verrebbe impiantato nel cranio di una persona, da cui i fili si diramano a ventaglio nel cervello. Questi fili sarebbero in grado di registrare l’attività cerebrale, oltre a stimolare aree del cervello.

L’idea è che questi chip potrebbero aiutare a studiare e curare le malattie e le condizioni neurologiche a breve termine. A lungo termine, Musk afferma che fanno parte del suo ideale di “simbiosi” tra coscienza umana e intelligenza artificiale (sebbene gli esperti abbiano spesso espresso scetticismo su questa parte).

FONTEnews.yahoo
Articolo precedenteSmartphone: il conto corrente potrebbe subire addebiti se usate queste app
Articolo successivoAvatar 2 ha già stupito tutti, il reparto grafico ha lasciato il mondo stupefatto
Simone Paciocco
Tech addicted, gamer ed editor su tecnoandroid.it