Skoda: auto spesso guaste, ecco le lamentele dei proprietari

Ci sono tantissimi utenti ad aver parlato molto bene di Skoda soprattutto in questi ultimi mesi. Il marchio dell’est Europa avrebbe fatto riportare grandissimi risultati grazie all’aumento della qualità ma soprattutto al miglioramento in termini di tecnologia sia interna che esterna alle vetture.

Fortunatamente però anche il servizio clienti e di assistenza risulta tra i migliori, visto che molti automobilisti hanno dovuto per forza di cose farci ricorso. Diverse auto del marchio Skoda avrebbero riportato problematiche di livello molto alto, spingendo i clienti ad andare in assistenza per più volte.

 

Skoda: ecco cosa dicono i clienti all’interno dei forum sul web

Questo il commento di un cliente:

Date le ultime tendenze, secondo me in casa Skoda si è persa un po’ di quella personalità e unicità che a mio avviso ha sempre caratterizzato il marchio. Ci sono case che hanno fatto delle “fotocopie ingrandite o ridotte di modelli” una loro filosofia e VW è la prima in assoluto. Ora ci è rientrata anche Skoda. Non mi piace quando da lontano non riesci a distinguere se sta arrivando una Golf o una Polo, una Octavia o una Superb o una Fabia, una Karoq o una Kodiaq op una Kamiq. Muso e retro uguale per tutti.
La Nuova Octavia è molto bella nel design, ma dentro la trovo impersonale, asciutta, asettica, priva di emozioni. Ci parlano di sicurezza, di evitare il telefonino in auto, ma poi per cambiare una impostazione del condizionatore devi premere 8 volte quella specie di tablet touch screen perchè un cretino ha pensato bene di togliere tutti i tasti. Della nuova RS si sa poco o nulla: non si sanno motori, non si sanno prezzi, non si sanno date, ma ciò che più o meno si può intuire è che sarà obbligatoriamente col cambio automatico e che sarà aumentata di prezzo.
Ho dato fiducia a Skoda nonostante problemi infiniti su due Octavia, annosi problemi che di auto in auto si sono trapassati.
Ora, a fronte della quasi certa possibilità di avere solamente il DSG e delle politiche assurde e prive di qualsiasi senso che la casa secondo me sta perseguendo, ho deciso di cambiare marchio.