Truffa: in Cina un uomo voleva passare la dogana con 160 chip e smartphone

È avvenuto il 9 marzo: un passeggero è stato beccato alla dogana del gate mentre indossava un’unità di elaborazione centrale (CPU) e non solo. L’uomo aveva assunto una postura anormale, attirando così l’attenzione degli addetti all’ispezione. Folle da parte sua, pensare che con un arsenale di chip e smartphone pieghevoli addosso sarebbe passato inosservato. Il suo nome è Zeng ed ha tentato l’impossibile.

Truffa: il caso di Zeng e i CPU

Più precisamente, è avvenuto a Gongbei Port of Entry, a Zhuhai, in Cina. Dall’ispezione è emerso che Zeng si era attaccato su addome, vita e polpacci ben 160 CPU e 16 smartphone pieghevoli (trattasi probabilmente di Galaxy Z Flip3), convinto di riuscire nell’impresa. Ovviamente le cose sono andate al contrario di come se le sarebbe immaginato.

I chip erano perlopiù degli Intel Rocket Lake di undicesima generazione e dei recenti Alder Lake di 12ma. Pertanto il guadagno più elevato (di migliaia di euro) che avrebbe potuto ricavare sarebbe dipeso dalla rivendita delle CPU introdotte illegalmente. A questo si aggiungono anche le decine di smartphone, con i quali avrebbe “fatturato” cifre altrettanto importanti. Inutile dire che gli agenti hanno posto sotto sequestro il materiale e il caso dell’espositore umano “trattato in conformità con la normativa vigente”.

La dogana sottolinea che gli oggetti del bagaglio che gli individui portano dentro e fuori dal paese dovrebbero essere limitati all’uso proprio e ad una quantità limitata, e dovrebbero essere controllati a fondo alla dogana. Per coloro che eludono la supervisione doganale attraverso l’occultamento personale o la conservazione degli oggetti, che costituiscono contrabbando, la dogana indagherà sulla responsabilità legale secondo la legge.

Avatar
La scrittura rende liberi ed io amo la libertà come la fotografia, l'arte, la natura e la pace. Scrivo poesie da quando ero bambina e in ogni cosa che faccio metto cuore ed anima. Sono una perfezionista, ballerina, attrice, make up artist, e cerco la bellezza in tutto ciò che mi circonda.