benzina

Mediante il Ministero della Transazione Ecologica, sono emersi dei dati preoccupanti relativi all’aumento dei prezzi dei carburanti. Di fatto, in questi ultimi mesi stanno continuando a salire in maniera vertiginosa fino ad arrivare ad un punto che si parla di un self-service1.516,64 al litro per il gasolio e di 1.670,67 euro al litro per quanto concerne la benzina.

Le famiglie che attualmente in Italia sono in difficoltà sono davvero tante e la preoccupazione sta crescendo sempre di più. I costi stanno diventando sempre più insostenibili ed alti, anche perché la pandemia da Covid-19 sta portando i suoi effetti negativi in molte aree della vita delle persone.

 

Aumenti carburanti: le forti dichiarazioni del presidente dell’Unione Nazionale Consumatori

Il presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, Massimiliano Dona, ha deciso che era arrivato il momento di denunciare qualche settimana fa, quando i prezzi erano ancora più bassi rispetto ad oggi: “Schizzano verso l’alto i prezzi dei carburanti. La benzina svetta a 1,662 euro al litro, un vero e proprio livello da record dal 15 ottobre 2018, mentre il gasolio, che è arrivato al prezzo di 1,510 euro al litro, tocca il valore massimo dal 3 giugno 2019, quando si attestò a 1,514 euro al litro. Gli aumenti sono vertiginosi e iniziano a diventare insostenibili“.

“Dall’inizio dell’anno, dalla rilevazione del 4 gennaio, un pieno da 50 litri è aumentato di 11 euro e 3 cent per la benzina e di 9 euro e 55 cent per il gasolio, con un rincaro, rispettivamente, del 15,3% e del 14,5%. Su base annua è pari a una stangata ad autovettura di 265 euro all’anno per la benzina e 229 euro per il gasolio. In un anno, dalla rilevazione del 14 settembre 2020, quando la benzina era pari a 1,392 euro al litro e il gasolio a 1,274 euro al litro, un pieno da 50 litri costa 13 euro e 50 cent in più per la benzina e 11 euro e 79 cent in più per il gasolio, con un rialzo, rispettivamente, del 19,4% e del 18,5%. Un rincaro che equivale, su base annua, a una mazzata pari a 324 euro all’anno per la benzina e a 283 euro per il gasolio”.

Anche Codacons si è espresso: “I rincari della benzina alla pompa produrranno un aggravio di spesa, solo per i rifornimenti di carburante, pari a +324 euro annui a famiglia”.