IPTV: la Guardia di Finanza attiva sul territorio, multe fino a 25.000 euro in arrivo

La Serie A di DAZN è oramai un dato di fatto. Se nel primo weekend di campionato si sono registrate alcune problematiche dovute alla qualità del segnale internet sulla piattaforma, in questo secondo weekend le segnalazioni di errore da parte degli utenti sono inferiori in termini numerici. Nonostante i passi in avanti di DAZN e i costi da ribasso, molti appassionati di calcio scelgono però di affidarsi ancora allo streaming IPTV.

 

IPTV, i rischi dello streaming per la Serie A su DAZN

Lo streaming illegale rappresenta la soluzione per antonomasia di chi vuole massimizzare i risparmi ed al tempo stesso ottenere un ticket con inclusi i canali di Sky con i contenuti di DAZN

Le conseguenze per lo streaming IPTV sono però molto alte. Dalle recenti operazioni delle forze dell’ordine si evince che per i trasgressori è prevista una duplice sanzioni, da una multa sino a 30mila euro alla reclusione sino a tre anni per i casi recidivi.

Anche le truffe rappresentano un deterrente per l’IPTV. Tanti malintenzionati, attraverso le chat di Telegram e WhatsApp, vendono agli utenti un ticket di abbonamento allo streaming senza concedere poi alcun servizio in cambio.

Molte persone per accedere a DAZN senza un ticket regolare si affidano anche ai canali VPN. Di per sé, la tecnologia è legale e rappresenta uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.