Riconoscimento faccialeLe agenzie federali statunitensi stanno pianificando di espandere l’uso dei sistemi di riconoscimento facciale, nonostante le perplessità espresse a livello mondiale da oltre un anno.

Un rapporto, pubblicato dal GAO martedì, valuta l’uso dei sistemi di riconoscimento facciale da parte delle agenzie federali e come intendono espanderne l’uso in futuro. 18 delle 24 agenzie intervistate, inclusi i dipartimenti di giustizia, difesa, istruzione, edilizia abitativa e sviluppo urbano degli Stati Uniti, hanno riferito di utilizzare tale tecnologia (FRT) per uno o più scopi. Tutte queste organizzazioni, aziende e società  vanno oltre il semplice uso dello smartphone cui spesso associamo questa tecnologia.

Il sondaggio ha anche rilevato che 10 agenzie hanno in programma di ampliare l’uso del riconoscimento facciale entro il 2023. Due di loro stanno già investendo per la ricerca e lo sviluppo di sistemi consoni. Sebbene la maggior parte dei sistemi di riconoscimento facciale utilizzati dalle agenzie federali siano di proprietà del governo, il rapporto afferma che sei di questi sistemi provengono da fornitori commerciali come Clearview AI e Acuant FaceID.

Uno studio del 2019 del National Institute of Standards and Technology ha testato circa 190 algoritmi di quasi 100 sviluppatori. Hanno scoperto che a volte il riconoscimento facciale identifica erroneamente i volti di persone nere e asiatiche. Nello specifico fino a 100 volte di più rispetto ai volti delle persone bianche.

Riconoscimento facciale: in aumento i casi d’uso di questa tecnologia da sempre controversa

A febbraio, l’American Civil Liberties Union (ACLU) e una coalizione di oltre 40 organizzazioni hanno chiesto all’amministrazione Biden di imporre una moratoria federale sull’uso della tecnologia del riconoscimento facciale. “Identifica in modo parziale le persone di colore, le donne, le persone trans e altri gruppi emarginati. La sua capacità di tracciare i nostri movimenti nello spazio e nel tempo sarebbe pericolosa anche se funzionasse perfettamente“, afferma Kate Ruane, consigliere legislativo senior dell’ACLU.

“Molti uomini di colore sono stati arrestati e incarcerati per crimini che non hanno commesso poiché la tecnologia del riconoscimento facciale li ha erroneamente identificati come colpevoli. L’uso di questi sistemi continuerà a danneggiare in modo sproporzionato le comunità emarginate”, spiega Ruane.

Nonostante queste richieste, 10 delle 24 agenzie statunitensi intervistate – i dipartimenti dell’agricoltura, del commercio, della difesa, della sicurezza interna, della salute e dei servizi umani, degli interni, della giustizia, dello Stato, del Tesoro e degli affari dei veterani – prevedono di implementare 17 nuovi sistemi di riconoscimento, ampliandone l’uso nei prossimi anni.

“Non abbiamo bisogno di regolamenti per il riconoscimento facciale, abbiamo bisogno di un divieto totale. Non vediamo l’ora che il Congresso agisca. Quindi, chiediamo al presidente Biden di emettere una moratoria sul riconoscimento facciale”, dichiara Albert Fox Cahn, direttore esecutivo del Surveillance Technology Oversight Project.