apple oggetti rari

Riconoscere il significato storico era il compito di bibliotecari e curatori di musei, ma con l’ascesa fulminea dell’industria dei cimeli, un po’ di lungimiranza e pazienza possono farti guadagnare un sacco di soldi in questi giorni.

I prezzi dei cimeli tecnologici stanno aumentando sia dal punto di vista culturale che economico, sempre più rapidamente. A guidare questa asta in termini di valore c’è un computer Apple-I, che chiarisce chiaramente quanto siano sottovalutati i cimeli del computer.

Il computer Apple-I è stato il primo personal computer venduto con una scheda madre completamente assemblata ed è stato il prodotto che ha catalizzato la nascita degli Apple Computer, uno dei pionieri della rivoluzione informatica e un’azienda che ha cambiato la vita di centinaia di milioni di le persone. È quindi naturale che il computer che ha dato il via a tutto sia un oggetto ricercato, essendo storicamente enormemente significativo sotto ogni misura.

Sono state prodotte solo 200 unità dell’Apple-I (più alcune in pre-produzione) e si pensa che ne esistano ancora circa 85: 58 verificate, 20 quasi verificate più altre 10 che potrebbero esistere secondo il registro Apple I. Con una fornitura così limitata, non sorprende che il prezzo originale sia salito alle stelle negli ultimi due decenni, anche se sembra che quasi nessuno se ne sia accorto perché 20 anni fa un Apple-I poteva essere acquistato per meno di 10.000 dollari.

Il prezzo record per un computer Apple I all’asta è di 905.000 dollari, fissato da Bonhams nell’ottobre 2014, mentre  Charitybuzz  ha venduto due computer Apple I a prezzi non divulgati nella stessa fascia di prezzo (una vendita e’ stata stimata intorno i 815.000 dollari nel 2016, e un altro a giugno 2018 a un prezzo non divulgato).

Nel 2019, solo un Apple I è andato all’asta, arrivando alla modica cifra di 470.189 dollari da Christie’s a maggio 2019, e nel 2020, due computer Apple I sono andati sul mercato, uno a RR Auction a marzo per 458.711 e un computer Apple-I venduto per 736.863 dollari all’asta il 18 dicembre 2020. Avrebbe potuto facilmente essere venduto di più, avendo la sua scatola originale ed essendo firmato da Steve Wozniak.

Dalla Apple ai fumetti

Il fumetto più prezioso al mondo è Action Comics #1, venduto per 10 centesimi quando è uscito nel 1938, ed è molto ricercato perché mostra la prima apparizione di Superman. Il fumetto è culturalmente significativo perché oltre al semplice Superman, il successo delle vendite del fumetto ha dato il via all’intero genere dei supereroi.

Quel primo numero ha avuto una tiratura di 200.000 copie, anche se la fragilità della carta e 83 anni di logoramento hanno ridotto il numero ancora esistente a circa 100 copie.

Action Comics #1 è diventato il primo fumetto ed esser venduto per più di 1 milione di dollari nel febbraio 2010 e il prezzo record è stato fissato a 3,25 milioni nell’aprile di quest’anno (2021) in una transazione privata mediata dalla società di aste e spedizioni online ComicConnect.

Il prezzo ha superato il record precedente di un’altra copia dello stesso fumetto, fissato nel 2014 per 3.207.852 dollari. In effetti, ci sono diversi fumetti che sono stati venduti per più di 1 milione, come Marvel Comics #1 (la prima apparizione della Torcia Umana e l’inizio del franchise Marvel), Detective Comics #27 (la prima apparizione di Batman) , Batman # 1 (il primo fumetto indipendente di Batman) e Amazing Fantasy #15 (prima apparizione di Spiderman) hanno tutti venduto oltre quel limite.

Mentre il record per Captain America #1 è di 915.000 dollari ed è generalmente considerato solo un questione di tempo prima che superi la soglia del milione di dollari.