blank

Durante la fruizione di vari servizi sul web è necessario prestare sempre un’attenzione davvero elevata, il rischio di incappare in truffe o malwares è dietro l’angolo e a seconda dell’attività, i danni possono essere più o meno gravi o addirittura irreparabili, tutto ciò ovviamente riguarda anche il mining di cryptovalute, sia che esso avvenga su PC o su smartphone, non a caso NortonLifeLock ha scelto di implentare il mining in Norton Antivirus, proprio per salvaguardare i propri sottoscrittori.

Nonostante tutto i casi di truffa continuano ad aumentare anche su piattaforme mobili, ecco cosa sta succedendo.

 

Il report di sicurezza

Bleeping computer ha riportato che i truffati attraverso false applicazioni per il mining di criptovalute disponibili su Android ammontano a circa 93.000, a rivelarlo è stata un’azienda di cybersicurezza californiana detta Lookout, la quale ha riscontrato la presenza di 172 app Android a pagamento, riconducibili a due fonti principali: BitScam (83.800 installazioni) e CloudScam (9.600 installazioni), tutte pubblicizzate dai truffatori come fornitrici di servizi mining.

Ben venticinque di queste applicazioni sono state rivenute proprio sul Play Store, non rimosse immediatamente dal momento che non recavano un danno diretto, bensì facevano da gusci ingannevoli attirando gli utenti coinvolti dalla smania delle cryptovalute, così facendo le portavano all’acquisto e alla fruizione di servizi a pagamento in realtà inesistenti, cos’ facendo i truffatori sono riusciti a portarsi a casa la bella cifra di circa 350.000 dollari.

Il consiglio è sempre quello di fare attenzione e informarsi, magari adoperando anche una buna suit antivirus, in modo da proteggersi anche dagli attacchi meglio camuffati.