app-incontri-attenzione-pericolo-cyberstalking-doxing-privacy

Sempre più diffuse le app di incontri permettono anche ai più timidi di conoscere nuove persone e magari trovare l’amore della vita. Attenzione però, perché dietro quest’aura innocua si nascondono ancora problemi di sicurezza sia fisica che online. Quindi se fate uso di app di incontri potreste essere in pericolo. Ecco i dettagli e come proteggersi dai rischi della rete legata a “Cupido”.

 

App incontri: attenzione alla freccia di Cupido perché potrebbe fare male

Ebbene sì, purtroppo non si può stare più tranquilli, soprattutto quando in gioco ci sono molte delle nostre informazioni più personali e sensibili. Questo riguarda particolarmente le app di incontri dove gli utenti risultano molto vulnerabili e la “freccia di Cupido”, prima o poi, potrebbe fare davvero male.

A confermarlo è uno studio svolto dai ricercatori di Kaspersky, nota azienda che sviluppa software per la sicurezza. Infatti, rispetto al 2017, anno in cui raccolsero i primi dati, le app di incontri sono migliorate dal punto di vista della sicurezza, ma soltanto in merito al trasferimento dei dati. Al contrario, sono aumentati i casi di cyberstalking e doxing.

 

Cos’è il cyberstalking

Molti si staranno chiedendo cos’è il cyberstalking, conseguenza pericolosa che può derivare dall’utilizzo delle app di incontri. Facciamocelo spiegare proprio dagli esperti di Kaspersky che lo definiscono così:

“[Cyberstalking è] l’uso di Internet o di altri mezzi elettronici per molestare e intimidire una vittima prescelta. Caratteristiche comuni includono (senza limitazione) il classico comportamento molesto, ovvero individuare la posizione di una persona e monitorare le sue attività online e nel mondo reale. Fra le azioni note dei cyberstalker citiamo l’installazione di dispositivi GPS nelle auto delle proprie vittime, l’uso di spyware geolocalizzanti sui loro telefoni e il tracciamento ossessivo della loro attività sui social“.

Ma le app di incontri nascondono anche il doxing. Si tratta di una pratica pericolosa che porta una persona, diremmo noi disturbata, a rivelare pubblicamente dati importanti e personali di un utente. Questo ovviamente senza l’autorizzazione della vittima.

In conclusione possiamo dire che, se non si presta particolare attenzione, da un sogno le app di incontri diventano incubi, ma di quelli peggiori, che mettono in serio pericolo chi si trova a doverli vivere.

FONTEKaspersky