amazon-fatturato-miliardario-zero-tasse-europa

Ancora una volta si torna a parlare di annosi problemi ovvero le tasse pagate dai grandi colossi. In questo caso nello specifico c’entra Amazon, ma non negli Stati Uniti, bensì in Europa. Secondo un rapporto del The Guardian, la compagnia avrebbe registrato 44 miliardi di euro di fatturato, ma non ha pagato tasse.

Amazon in Europa ha sede in Lussemburgo dove di possono sfruttare i cosiddetti loophole per cercare di aggirare regolamenti stringenti. In questo caso il colosso avrebbe registrato in realtà una perdita di 1,2 miliardi di euro quindi potendo godere del beneficio di non pagare assolutamente niente in tasse.

 

Amazon e le regole in Europa

Di solito si dice non odiare il giocatore, ma il gioco. Anche in questo caso probabilmente si dovrebbe fare lo stesso. Da un lato ci si può arrabbiare con Amazon per questo comportamento, ma la realtà dei fatti è che ci sono governi che lo permettono.

Amazon comanda le diverse filiale nazionali, come quella italiana, dal Lussemburgo. Altri colossi fanno lo stesso, come Apple in Irlanda. Questi colossi con fatturati più grandi di intere nazioni vengono in Europa, sfruttano le leggi creare ad hoc dai paesi piccoli per beneficiare della presenza delle sedi di queste entità e nel frattempo feriscono l’economia di di tutta la comunità.

La Commissione Europea, al posto di multare sempre i colossi in situazioni come queste, dovrebbe iniziare seriamente a multare i governi che mettono in piedi questi governi. In questi mesi si è parlato dei fondi per il piano di recupero a causa della pandemia. Con i soldi di tasse dovute da Amazon, Facebook, Google, Apple e altri nomi non noti al pubblico, ma comunque con fatturati stratosferici, il piano si pagherebbe da solo.

FONTEThe Guardian