Diesel

Una grande virata ha visto protagoniste le auto ibride durante tutto il mese di marzo appena trascorso. Calo di vendite inaspettato per i motori diesel che fino a poco prima risultavano tra i preferiti.

Incredibile sorpasso quindi per le ibride che tornano in prima fila a guidare il mercato. Quali sono le cause che hanno portato molti a scegliere i motore e-green? Forse tutte le restrizioni in merito alla circolazione delle auto. Ma potrebbero anche essere gli ecobonus per diesel e benzina che sono praticamente terminati.

 

Boom di immatricolazioni delle auto ibride, calo invece per quelle diesel

Sono i dati a dare dimostrazione di un sorprendente boom di immatricolazioni della auto ibride rispetto a quelle diesel. Un confronto con l’anno precedente non sarebbe equo. Dopo due mesi, gennaio e febbraio, spaventati dalla diffusione della pandemia i mesi di marzo e aprile 2020 avevano subito un totale lockdown.

Ecco perché un confronto corretto può essere fatto solo con l’anno 2019. Infatti rispetto a quell’anno le auto diesel sono passate da un 44% di vendite a un 25,4%. Al contrario quelle ibride sono salite da un 5,3% a un 30,4%. Una crescita sorprendente per queste ultime a scapito di un brusco calo di quelle termiche.

Visto nel complesso quindi le auto ibride hanno aggredito il mercato portandosi a casa il 30,4% e lasciando ai motori diesel il 25,4%. Tiene ancora testa i motori a benzina con un 33,1%, ma ahimè sembrano ormai destinati ad abbandonare quote di mercato a favore dell’elettrico.

Un trend in ascesa quello della auto ibride ed elettriche. Saranno gli incentivi ancora disponibili. Al contrario degli ecobonus quasi terminati per diesel e benzina che potrebbero aver spinto molti verso il settore opposto. Fatto sta che il mercato sta prendendo una direzione e pare proprio sia quella a emissioni zero.

Resta ora il mese di aprile che definirà l’andamento di mercato, ma per una conferma serviranno altri mesi. Chissà se continuerà a crescere quello delle ibride insieme alle elettriche o se tornerà a grande richiesta il diesel e il benzina. Ai posteri larga sentenza.

VIAVia