IPTV: le multe sono realtà, scoperti dalle altri 50.000 trasgressori

Con la necessità del doppio abbonamento di Sky e di DAZN, sempre più persone si interessano alla tecnologia di streaming IPTV. A partire dalla prossima estate, gli appassionati di calcio dovranno dotarsi sia di un ticket Sky sia di un abbonamento DAZN per seguire la loro squadra del cuore. Per dimezzare e abbattere i costi, tanti utenti vedono nello streaming IPTV la soluzione ideale per i risparmi. 

 

IPTV con il doppio ticket tra Sky e DAZN: il rischio della stangata

La tecnologia dello streaming illegale IPTV è legata nel nostro paese al famoso sistema dei “pezzotti”, ma anche – novità delle ultime settimane – ai canali VPN. Sia nell’uno che nell’altro caso, gli utenti riescono ad accedere a siti internet o portali che garantiscono la visione di Sky e di DAZn senza un piano di abbonamento standard.

Chi sceglie l’IPTV però deve mettere in preventivo anche una serie di effetti secondari. Chi attiva lo streaming illegale, in primo luogo, si espone ad una serie di truffe online. Proprio nelle ultime settimane, tanti utenti interessati, dopo aver pagato via Telegram o WhatsApp, alcuni abbonamenti IPTV non hanno ricevuto alcun servizio in cambio.

C’è poi da considerare anche il fattore dei rischi legali. Come oramai noto, con lo streaming IPTV si può incorrere in una sanzione di 30mila euro o anche nella reclusione sino a tre anni.

Per quanto concerne le VPN, c’è invece da aprire una parentesi. La VPN non rappresenta un servizio illegale, ma bensì uno strumento consigliassimo e facile da usare per qualsiasi utente per navigare protetti in rete, e che se usato con i più noti servizi di streaming (Netflix, Amazon Prime Video) da accesso a cataloghi più vasti. NordVPN, la migliore VPN attualmente in rete, offre un ottimo servizio ed è in offerta con un prezzo scontatissimo.