Rokote Laboratories Finland Ltd., uno spin-out accademico di recente fondazione con sede in Finlandia, sta lavorando per sviluppare e introdurre sui mercati un vaccino spray nasale contro il COVID. Il vaccino si basa su ricerche condotte presso l’Università di Helsinki e l’Università della Finlandia orientale.

Continua a leggere per saperne di più

Il vaccino utilizza la tecnologia di trasferimento genico sviluppata presso l’Università della Finlandia orientale dal gruppo di ricerca del professor Seppo Ylä-Herttuala dell’Accademia, e la tecnologia è già stata utilizzata con successo in diversi studi clinici che utilizzano la terapia genica per il trattamento di malattie cardiovascolari e cancro.

Il vaccino utilizza un vettore sicuro di adenovirus che contiene un filamento di DNA clonato, che fa sì che le cellule rinofaringee producano la proteina del virus che, a sua volta, produce una risposta al vaccino. Non c’è un vero virus SARS-CoV-2 nel vaccino. I risultati preliminari mostrano che il vaccino ha funzionato bene negli studi sugli animali e i test clinici sugli esseri umani inizieranno entro pochi mesi.

La somministrazione nasale è stata scelta come metodo di somministrazione del nuovo vaccino perché il virus viene trasmesso naturalmente anche attraverso le vie aeree. In effetti, la somministrazione nasale sembra indurre una risposta immunitaria più ampia rispetto alla somministrazione intramuscolare.

“I vaccini iniettati per via intramuscolare producono anticorpi IgG nel flusso sanguigno, ma i vaccini nasali producono anche una risposta IgA che protegge le mucose. Partiamo dal presupposto che questo possa anche impedire a coloro che hanno ricevuto il vaccino di trasmettere il virus “, afferma il professor Seppo Ylä-Herttuala dell’Università della Finlandia orientale.

Secondo lui, i programmi di vaccinazione attualmente in corso non eliminano la necessità di nuovi vaccini, poiché si prevede che nuove varianti causino nuove ondate di infezione.

“Anche se fossimo in grado di vaccinare l’intera popolazione, almeno le persone nei gruppi a rischio medico avranno ancora bisogno di nuovi vaccini contro le nuove varianti nei prossimi anni. I vaccini attualmente in uso forniscono una protezione chiaramente inferiore contro la variante sudafricana, che sarà probabilmente il virus dominante nella prossima ondata. Il nostro vaccino tiene già conto delle varianti più importanti, ovvero quella sudafricana, brasiliana e britannica. Ci sarà sicuramente una richiesta per questo tipo di vaccino “, afferma il professore di virologia Kalle Saksela dell’Università di Helsinki.

L’azienda effettuerà i primi studi clinici sui vaccini in Finlandia. A Kuopio esiste già la tecnologia commerciale necessaria per produrre il vaccino.

I fondatori e membri del consiglio di Rokote Laboratories Finland Ltd. sono gli sviluppatori di vaccini, il professor Seppo Ylä-Herttuala dell’Università della Finlandia orientale, il professor Kalle Saksela e il professor Kari Alitalo dell’Università di Helsinki, e il signor Pasi Kemppainen, MSc ( Techn.). L’Università di Helsinki e l’Università della Finlandia orientale sono anche co-fondatori e azionisti dell’azienda.

Secondo il signor Kemppainen, la società sta ora negoziando un finanziamento per garantire un ulteriore sviluppo del vaccino e il suo passaggio a sperimentazioni cliniche. Dopo aver ottenuto un’autorizzazione all’immissione in commercio, il vaccino potrebbe garantire la sicurezza dell’approvvigionamento finlandese ed europea e l’autosufficienza del vaccino.

“Il vaccino può essere prodotto in quantità considerevoli qui a Kuopio e, a lungo termine, può essere concesso in licenza anche al di fuori dell’Europa. L’attuale attenzione è, ovviamente, sul vaccino COVID, ma lo stesso metodo può essere utilizzato anche per sviluppare vaccini contro altri virus “, afferma Kemppainen.