IPTV: in questo modo Sky è gratuito o costa poco ma si rischiano multe

I clienti continuano ad affidarsi alla tecnologia dell’IPTV per la visione dei canali Sky. Complice anche il ricco pacchetto di esclusive ed eventi che andranno in onda nelle prossime settimane sulla piattaforma satellitare, molti abbonati decidono di attivare un piano per lo streaming illegale.

 

IPTV, tante controindicazioni per chi sceglie lo streaming di Sky

Il principale accesso allo streaming illegale resta quello dei cosiddetti “pezzotti”. Al netto di molti dispositivi che sono stati ufficialmente spenti, tante persone ora scelgono di affidarsi ai canali VPN. Con la tecnologia che mette a disposizione la connessione in rete attraverso diverso codice VPN, gli utenti possono accedere ad alcuni link che garantiscono la visione dei canali Sky senza un regolare abbonamento.

I malintenzionati che promuovono questa tecnologia sfruttano le chat di WhatsApp ed i canali di Telegram per arrivare ad un pubblico, quanto più vasto possibile. Ovviamente, la promessa per i clienti che scelgono l’IPTV è quella dei risparmi.

Attenzione però alle controindicazioni. Molti utenti che scelgono l’IPTV sono esposti ad una serie di truffe. Non è raro trovare malintenzionati che ricevono soldi, senza corrispondere agli utenti alcun servizio per lo streaming di Sky. Già tante persone hanno perso i loro soldi per affidarsi a persone poco affidabili della rete.

Alcuni problemi per chi si affida all’IPTV potrebbero anche arrivare sul fronte giudiziario. In alcune circostanze, lo streaming illegale può portare ad una sanzione pecuniaria dal valore di 30mila euro. Nei casi più gravi ed in quelli di recidiva è anche previsto il carcere sino a tre anni.