Uno dei negoziatori più noti di Wall Street eseguirà la più grande fusione di assegni in bianco della storia. L’ex dirigente di Citigroup Michael Klein lunedì ha utilizzato una delle sue SPAC, o acquisizioni per scopi speciali, Churchill Capital IV, per rilevare il produttore di auto elettriche Lucid Motors. Ciò porta le aspettative di entrambe le tendenze a un nuovo livello.

Tutti i dettagli

In primo luogo, c’è la transazione stessa. La fusione Klein SPAC porterà Lucid $ 2,1 miliardi in contanti e il valore sarà di poco inferiore a $ 12 miliardi, una cifra considerevole per questo tipo di fusione.

Ma questa è solo la prima parte. La seconda è che la casa automobilistica raccolga denaro aggiuntivo da altri investitori attraverso una struttura sempre più utilizzata in concomitanza con una SPAC, il cosiddetto PIPE: investimento privato in società quotate ( investimento privato in public equity ).

Spesso, questo tipo di raccolta di capitale supplementare viene eseguita al valore o vicino al valore della fusione SPAC. In questo caso, i 2,5 miliardi di dollari impegnati attraverso il PIPE – una cifra che colpisce anche per questo tipo di operazione – ha un prezzo che è il doppio del valore di mercato di Lucid.

Tuttavia, gli investitori, tra cui BlackRock, Franklin Templeton e il Saudi Arabian Public Investment Fund, che detiene l’85% di Lucid, non sono intimiditi. Acquisteranno a un valore aziendale di poco inferiore a 4,5 volte le vendite del 2023, utilizzando stime Lucid.

Questa cifra è superiore a quella di rivali come Fisker e Canoo, che sono stati assorbiti anche dalla SPAC. Ma Lucid è uno dei migliori nuovi arrivati. Peter Rawlinson, il CEO di questa società di 14 anni, era l’ingegnere capo della Tesla Model S; prima era alla Lotus e alla Jaguar. È circondato da dirigenti che hanno lavorato per Ford Motor, Audi, Hyundai e altre case automobilistiche, oltre a giganti della tecnologia come Apple. Inoltre, la sua prima vettura, la Lucid Air, sarà in vendita entro la fine dell’anno, con 7.500 prenotazioni già effettuate.

Tuttavia, gli azionisti di Churchill Capital IV hanno accelerato troppo il motore. Dopo settimane di fughe di notizie su un possibile accordo, il valore delle azioni si è moltiplicato per più di cinque.

Anche dopo una battuta d’arresto nell’aftermarket lunedì, per riflettere i termini dell’accordo, il titolo continua a essere scambiato a un livello che implica una valutazione di oltre $ 65 miliardi e un valore aziendale di 11,5 volte le vendite del 2023, anche battendo la valutazione di Tesla. Una transazione così sopravvalutata corre il rischio di provocare uno shock.