blank

La maggior parte del mondo non ha ancora sperimentato i vantaggi di una rete 5G, ma la corsa geopolitica per la prossima grande novità nella tecnologia delle telecomunicazioni si sta già surriscaldando.

Il 6G viene considerato un traguardo dal valore inestimabile

Per aziende e governi, la posta in gioco non potrebbe essere più alta. I primi a sviluppare e brevettare il 6G saranno i maggiori vincitori di quella che alcuni chiamano la prossima rivoluzione industriale. Sebbene sia ancora ad almeno un decennio dal diventare realtà, il 6G – che potrebbe essere fino a 100 volte più veloce della velocità massima del 5G – potrebbe fornire il tipo di tecnologia che è stata a lungo roba da fantascienza, dagli ologrammi in tempo reale al volo taxi e corpi umani e cervelli connessi a Internet.

La mischia per il 6G si sta già intensificando anche se rimane una proposta teorica e sottolinea come la geopolitica stia alimentando le rivalità tecnologiche, in particolare tra Stati Uniti e Cina.

“Questo sforzo è così importante che è diventato in una certa misura una corsa agli armamenti”, ha affermato Peter Vetter, responsabile dell’accesso e dei dispositivi presso Bell Labs, il braccio di ricerca di Nokia Oyj. “Richiederà un esercito di ricercatori per rimanere competitivi”.

Anni di acrimonia sotto l’amministrazione Trump hanno colpito duramente le aziende tecnologiche cinesi, ma ciò non ha impedito al paese di emergere come leader nel 5G. Ha la più grande impronta 5G al mondo e, nonostante i numerosi tentativi da parte degli Stati Uniti di assumerla, Huawei Technologies Co. sovrasta i fornitori 5G rivali a livello globale, principalmente offrendo prezzi interessanti.

Lo sviluppo del 6G potrebbe dare agli Stati Uniti l’opportunità di riguadagnare il terreno perduto nella tecnologia wireless.

“A differenza del 5G, questa volta il Nord America non lascerà che l’opportunità di una leadership generazionale scivoli così facilmente”, ha affermato Vikrant Gandhi, direttore industriale senior delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione presso la società di consulenza Frost & Sullivan negli Stati Uniti “È probabile che il la competizione per la leadership nel 6G sarà più agguerrita di quella per il 5G “.

È chiaro che il 6G è già nelle menti dei politici sia a Washington che a Pechino. L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha twittato all’inizio del 2019, ad esempio, che voleva il 6G “il prima possibile”.

La Cina sta già andando avanti. Il paese ha lanciato un satellite a novembre per testare le onde radio per una potenziale trasmissione 6G e Huawei ha un centro di ricerca 6G in Canada, secondo i resoconti dei media canadesi. Il produttore di apparecchiature per telecomunicazioni ZTE Corp. ha anche collaborato con China Unicom Hong Kong Ltd. per sviluppare la tecnologia.

Gli Stati Uniti hanno dimostrato di avere la capacità di ostacolare seriamente le aziende cinesi, come nel caso di ZTE, che è quasi collassata dopo che il Dipartimento del Commercio le ha vietato per tre mesi nel 2018 di acquistare tecnologia americana. Mosse simili potrebbero ostacolare le ambizioni 6G di Huawei.