sclerosi multipla

La sclerosi multipla è una malattia neurodegenerativa che colpisce il sistema nervoso centrale. Si tratta di una malattia complessa ed imprevedibile caratterizzata da una reazione anomala delle difese immunitarie che attaccano alcuni componenti del SNC scambiandoli per agenti estranei. Per tale motivo la sclerosi multipla rientra tra le patologie autoimmuni. Nello specifico, nei pazienti affetti da questa malattia si assiste ad una demielinizzazione, cioè alla perdita del rivestimento di mielina che avvolge gli assoni dei neuroni. È una malattia dalla quale non si guarisce e che, ad oggi, si tratta con strategie terapeutiche che rallentano il decorso della malattia.

Sembra però che ci sia uno spiraglio di speranza per chi soffre da sclerosi multipla. L’azienda BioNTech, molto conosciuta oggi poiché partner di Pfizer nella messa a punto del vaccino contro COVID-19, ha infatti creato un vaccino innovativo contro la sclerosi multipla. Il vaccino in questione si basa sulla stessa metodologia che la Pfizer-BioNTech ha utilizzato per produrre il vaccino contro SARS-CoV-2: un vaccino a base di mRNA.

Ecco come agisce il vaccino di BioNTech sulla sclerosi multipla

Gli scienziati che hanno creato questo siero immunizzante contro la sclerosi multipla lo hanno già testato sui topi. La preparazione vaccinale, in questo caso specifico, agisce impedendo al sistema immunitario di attaccare i neuroni nel cervello e nel midollo spinale, prevenendo l’eventuale perdita della funzione corporea.

Gli studi pre-clinici condotti sui topi hanno portato all’arresto della progressione della malattia e, addirittura, al ripristino di alcune capacità motorie. I ricercatori di BioNTech hanno testato il loro prodotto su topi affetti da encefalopatia autoimmune, l’equivalente animale della sclerosi multipla umana. In questi animali, il vaccino è stato in grado di bloccare i segni clinici della malattia mentre il gruppo di controllo mostrava tutti i sintomi dell’encefalopatia. Si tratta di una incredibile innovazione che potrebbe porre le basi per lo sviluppo di un trattamento potenzialmente risolutivo per i pazienti che oggi soffrono di sclerosi multipla.

Potete trovare maggiori informazioni sul vaccino contro la sclerosi multipla leggendo lo studio pubblicato sulla celebre rivista Science.