Coronavirus, COVID-19, Fake News, Web, Ministero della Salute

In un periodo particolare come quello che stiamo vivendo, rimanere informati sulle notizie legate al Coronavirus è molto importante. Tuttavia, sempre più spesso è possibile incontrare informazioni non proprio veritiere che travisano i contenuti o li distorcono totalmente creando false informazioni.

Nei giorni scorsi abbiamo analizzato una fake news riguardante il COVID-19 e i potenziali rischi causati dalla tecnologia 5G. In questo caso, l’autore della notizia sosteneva che i vaccini anti-COVID servissero per iniettare chip 5G nel corpo dei pazienti. Il tono ironico della notizia permetteva di catalogarla come un semplice scherzo, ma non tutte le fake news sono ironiche.

Come si può leggere sul sito del Ministero della Salute, sono state raccolte una serie di notizie false e tendenziose riguardanti il Coronavirus. I casi analizzati sono molti e coprono vari argomenti con spiegazioni scientifiche e sempre aggiornate.

Coronavirus e fake news, ecco arrivare una nuova bufala

Tuttavia, le fake news corrono sempre più veloci della verità. Infatti le notizie riguardanti il Coronavirus si diffondono a macchia d’olio e non sempre è possibile riconoscere le notizie vere da quelle false.

In particolare, una nuova bufala proviene dagli Stati Uniti dove è partita la campagna di vaccinazione. Un video della BBC mostra un paziente sottoposto al vaccino. Nell’inquadratura si nota il dottore che si appresta ad effettuare la puntura e nella scena successiva l’ago non sembra essere più collegato alla siringa.

I complottisti immediatamente hanno sostenuto che la vaccinazione non fosse mai avvenuta per i timori di effetti collaterali. In realtà, si tratta di siringhe speciali di sicurezza il cui ago si ritrae per evitare punture accidentali. La conferma arriva direttamente dalla stessa BBC che ha messo a tacere tutte le voci.

Il nostro consiglio è quello di prestare sempre attenzione e informarsi solo e soltanto tramite i canali ufficiali.