I dispositivi Pixel di Google hanno appena ricevuto un aggiornamento che porta le patch di sicurezza a gennaio 2021. Per la precisione, i dispositivi che l’hanno ricevuto sono i Pixel dal modello 3 al modello 5.

Ricordiamo che Pixel 2 è ormai escluso dagli aggiornamenti mensili ufficiali, rimanendo quindi fermo con le attualmente disponibili patch di sicurezza di dicembre 2020. Scopriamo insieme maggiori dettagli.

 

Google Pixel ricevono le patch di sicurezza di gennaio 2021

Questo nuovo aggiornamento risolve ben 22 falle nel sistema, sia critiche che meno importanti, tra cui alcune che potevano, se ben sfruttate, far eseguire da un hacker del codice malevolo senza che l’utente se ne accorgesse. Le immagini complete del sistema possono essere scaricate direttamente dalla pagina ufficiale del colosso, mentre i file di aggiornamento OTA sono disponibili da qui.

Ricordiamo comunque che l’aggiornamento sarà scaricabile e installabile direttamente dalle impostazioni del dispositivo tra qualche giorno, se ancora non lo vedete disponibile. Nelle ultime ore è arrivato anche un annuncio non troppo piacevole per il colosso di Mountain View, infatti oltre 200 dipendenti hanno creato un sindacato interno perché “per troppo tempo sono rimasti senza tutele”.

Il nucleo si chiama Alphabeth Workers Union, in poche settimane sono state già piazzate 226 tessere. I lavoratori iscritti pagheranno al sindacato l’1% del loro salario e potranno eleggere i loro rappresentanti. I ’delegati di Google’ garantiranno la sicurezza nel posto di lavoro, la vigilanza sulle molestie alle donne e una maggior ripartizione per generi nelle assunzioni che adesso tra i 100.000 dipendenti di Google sono ripartite tra il 51,7% di bianchi, un 41,9% di asiatici con una forte dominante degli uomini rispetto alle donne.