tassa patrimoniale

Sicuramente, la grave crisi economica in cui ci troviamo in questo momento e le norme necessarie per contenere il Covid, non hanno fatto altro che portare una maggiore instabilità nelle famiglie italiane. Nonostante tutte le misure prese fino a questo momento, c’è una paura che aleggia nelle case, ossia la tassa Patrimoniale.

La suddetta è stata pensata soprattutto dai banchi dell’opposizione e si stava quasi decidendo di farla diventare realtà. Definibile come una vera e propria Virus Tax, è stata presa in esame qualche mese fa per sanare le spese derivanti dalla pandemia. Fortunatamente, però, la tassa non è stata realmente presa in considerazione dal Governo. Scopriamo di seguito maggiori dettagli a riguardo.

Patrimoniale: la tassa sui conti correnti mette paura alle persone, ma serve?

Come detto poco fa, la possibile soluzione andrebbe ad aggravare una situazione che già di per sé è alquanto scomoda per gli italiani. Di fatto, una tassa Patrimoniale potrebbe andare ad intaccare i patrimoni anche delle persone più ricche di questo paese, ma, con molta probabilità, le suddette andrebbero a delocalizzare i loro averi in altri paesi. Dunque, la misura graverebbe alla popolazione della fascia medio-bassa.

Inoltre, a calmare definitivamente le acque, è arrivata la smentita da parte del Vice Ministro dell’Economia Laura Castelli. Ecco cosa ha dichiarato:

In queste ore, gira con insistenza, nelle varie chat, l’ennesima bufala. Voglio dirlo con forza, non c’è nessuna patrimoniale “Virus Tax”. Abbiamo chiuso un decreto con le risorse deliberate dal Parlamento, che ha autorizzato uno scostamento dei saldi di bilancio di 25 miliardi. Chiunque voglia speculare con false notizie su eventuali tasse, si metta la mano sulla coscienza. Non c’è nulla di più falso.

In un momento particolarmente delicato per il Paese, mi sento di chiedere un aiuto anche al mondo dell’informazione per isolare le fake news. Noi, maggioranza e opposizione, stiamo collaborando, più che mai, per mettere in campo tutte le misure necessarie a fronteggiare gli effetti del coronavirus, sia dal punto di vista sanitario, che da quello economico. Faremo tutto quello che serve per sostenere l’Italia e gli italiani.”