blankGoogle ha finalmente svelato il nuovo logo di Gmail. I colori e il design cui siamo tutti abituati saranno sostituiti in sintonia con le modifiche che l’azienda sta apportando anche nelle varie sedi oltre che ai rispettivi loghi.

Questi cambiamenti fanno parte di un più ampio rebranding delle app di produttività dell’azienda, che include anche Calendar, Documenti, Fogli e altro ancora. Questi strumenti erano precedentemente noti come Gsuite. Ora saranno rinominati e diventeranno Google Workspace. Google ritiene che cambiamenti come questi siano inevitabili in un mondo del lavoro in continua evoluzione.

“Il lavoro stesso si sta trasformando in un modo che non ha precedenti”. I servizi di produttività come Suite stanno diventando una parte centrale di tale cambiamento. Google ha annunciato che il rebranding di Gmail e degli altri prodotti è stata la naturale conseguenza del feedback degli utenti. Infatti, gli utenti stessi definiscono tutti i prodotti dell’azienda come parte di un’unica grande famiglia, quindi la compagnia ha deciso di rivisitarne il design in funzione di questa idea di famiglia.

Google pronta al rebranding delle app, la prima a cambiare sarà Gmail, arrivano già le prime critiche

“10 anni fa, quando molti dei nostri prodotti sono stati sviluppati per la prima volta, sono stati creati come singole app. Ciascuna app è stata poi aggiornata e modificata singolarmente. Nel tempo i confini tra le nostre app hanno iniziato a scomparire”. Il logo di Gmail in precedenza era una combinazione della lettera iniziale e di una busta, per lo più grigia. Il nuovo logo della celebre app di Google elimina sia il colore che il design della busta, concentrandosi invece sulla lettera.

Nonostante le buone intenzioni dell’azienda, avere app così simili tra loro può confondere, non sono mancate infatti le critiche degli utenti. “Mi dispiace, Google, ma la modifica di tutte le icone per utilizzare tutti gli stessi colori rende più difficile identificarle rapidamente sulla mia schermata”, si legge nel commento sotto il video ufficiale su Youtube.