Google, Assistente Google, Google Assistant, update, Google Home, Gboard

La sicurezza online è uno degli elementi più importanti da proteggere. Google lo sa bene e per questo sta cercando di migliorare i propri servizi e prodotti per raggiungere livelli di sicurezza sempre maggior.

In occasione del mese dedicato al National Cybersecurity Awareness, il colosso di Mountain View ha postato sul proprio blog una news incentrata proprio su questo tema. BigG ricorda l’impegno continuo nella protezione dei dati attraverso tre principi fondamentali:

  • mantenere le informazioni al sicuro
  • trattarle responsabilmente
  • fornire il pieno controllo all’utente.

Google sta puntando molto sulla sicurezza

Per permettere il raggiungimento di questi tre obiettivi, Google ha stato creato il Safety Center. Si tratta di uno spazio virtuale in cui vengono raccolte tutte le informazioni giorno per giorno e immediatamente accessibili all’utente.

Ma non basta, nel corso delle prossime settimane, arriverà un importante aggiornamento per Google Assistant. L’Assistente si arricchirà di una Guest Mode che permetterà le interazioni private con i dispositivi. 

La Modalità Ospite si potrà attivare con un comando vocale e permetterà una sorta di navigazione in incognito su tutti i device compatibili tra cui smartphone, speaker e Smart TV. Tutte le interazioni effettuate mentre la Guest Mode è attiva non saranno registrate lasciando maggior privacy agli utenti. 

Inoltre, sarà possibile cancellare le ultime domande direttamente con la voce e non più tramite l’app Google Home. Tra le altre novità, spicca l’aggiunta di nuove risposte alle domande più comuni, diversificando ulteriormente l’esperienza e arricchendola.

Con l’arrivo di Android 11 ci saranno anche novità per Gboard. La tastiera è uno degli elementi più utilizzati su mobile e in BigG si sono impegnati per mantenere altississimo il livello di attenzione. Il sistema potrà contare sempre sulla funzione di predizione delle parole durante la digitazione sulla base delle frasi più utilizzate dall’utente. Il tutto però avverà senza che nessun dato privato esca dall’app e dal sistema.