Postepay: clamorosa truffa phishing, conti a rischi e soldi rubati

Una Postepay può essere presa d’assalto, ma ricordate: solo se siete voi stessi a condividere i vostri dati d’accesso. Non esistono metodi attraverso i quali i truffatori riescano ad entrare all’interno delle vostre carte di credito, se non i soliti messaggi che ti spingono a credere in qualcosa che in realtà non è.

Il phishing è proprio questo, ovvero vi lascia credere che ci sono stati dei problemi sulla vostra Postepay a tal punto da dover reinserire per forza di cose i dati. In realtà non c’è nulla di vero, ma i più ingenui ci cascano regolarmente. Poste Italiane per evitare qualsiasi tipo di problematica, fornisce delle linee guida direttamente sul sito ufficiale. Intanto ecco il messaggio che sta arrivando a tutti.

 

Postepay: ecco il nuovo tentativo di phishing arrivato tramite e-mail a tantissimi utenti

Egregio Cliente di Poste Italiane,

Siamo spiacenti di informarla che abbiamo deciso di sospendere le sue operazioni sul sito delle
Poste visto che lei ha ignorato la precedente richiesta di confermare la sua identità.

Per poter riutilizzare la sua carta Postepay / Conto Bancoposta, si prega di confermare
immediatamente le informazioni rilasciate sul nostro sito al momento della sua registrazione.
La procedura può essere completata cliccando sul link sottostante, che la porterà sul nostro
sito nella sezione dedicata alle verifiche.

Le ricordiamo che finché la verifica non viene effettuata, lei non sarà in grado di effettuare:

  • Effettuare prelievi al bancomat o su POS.
  • Effettuare ricariche, bonifici ed operazioni di PostaGiro.
  • Effettuare pagamenti online o su POS.

Ci dispiace per il disagio arrecato!

Servizio Assistenza di Poste Italiane 2018