ecobonus-bici-monopattino

Di recente, alcune controversie si erano manifestate in relazione all’ecobonus ottenibile sia per il monopattino, che per la bici elettrica. Traverso una serie di accordi e compromessi raggiunti tre ministeri, è diventato possibile ottenere i 500 € di bonus, presentando una sorta di scontrino “parlante”. Si tratta di uno scontrino simile a quello dei medicinali e attivabile più o meno a partire dalla metà di agosto.

Ecobonus bici e monopattino, ecco come funziona

Questo bonus nasce successivamente al Decreto Rilancio, stabilito dal Governo Conte. Il problema, è nato quando il Ministero dei Trasporti è quello dell’Ambiente non sono stati in grado di mettersi d’accordo su quale tipo di documenti presentare per la richiesta. Secondo il Ministero dell’Ambiente, in alternativa alla fattura, la soluzione sarebbe uno scontrino che indichi la tipologia di prodotto acquistato, insieme al codice fiscale dell’acquirente. Secondo il Ministero dei Trasporti però, questo non è il metodo giusto. Ritiene infatti che vadano rimborsati tutti i tipi di acquisti, anche quelli con gli scontrini più semplici.

Il timore però, era di possibili truffe che derivassero dal non poter dimostrare effettivamente una corrispondenza tra acquisto fatto da un cittadino e lo scontrino. Per questa ragione, infine, il Ministero dell’Ambiente ha ottenuto la sua richiesta. Tutti i maggiorenni che abbiano la residenza nei capoluoghi di regione e di provincia, e in comuni e città che abbiano una popolazione superiore a 50.000 abitanti, possono usufruire di questo ecobonus. L’iniziativa diventerà realizzabile a partire da metà agosto, ed era precedenza a coloro che hanno già effettuato l’acquisto, mettendo in attesa coloro che ancora intendono farlo.