RC Auto 15 giorni decreto cura italia

Solitamente l’RC Auto (ovvero la copertura assicurativa obbligatoria che tutela dai rischi e dai danni causati dai veicoli) ha una copertura di 15 giorni dopo la data di scadenza del contratto se è annuale. In seguito alla crisi dovuta alla pandemia del Coronavirus e con il nuovo Decreto Cura Italia, però, sono arrivate alcune novità al riguardo.

 

RC Auto: la copertura di 15 giorni raddoppia

Quando scade il contratto RC Auto, il conducente ha la possibilità di usufruire di questo servizio per altri 15 giorni definiti periodo di tolleranza. In questi giorni, infatti, la polizza assicurativa del conducente rimarrà comunque attiva e non verrà effettuata alcuna sanzione prevista dal Codice della Strada.

Questo periodo di tolleranza (per la gioia di molti conducenti) ha però subito un cambiamento. A causa della grave situazione che ha dovuto attraversare il nostro paese per la pandemia del Coronavirus, il Governo Italiano ha preso diverse misure per aiutare il paese. Nello specifico, con il Decreto Cura Italia sono stati avviati alcuni cambiamenti e uno di questi riguarda proprio il periodo di tolleranza della polizza assicurativa.

In seguito a questo decreto, infatti, il periodo di tolleranza che solitamente è di 15 giorni è stato raddoppiato, passato a ben 30 giorni. Questo significa che i conducenti possono stare tranquilli per un mese dalla data di scadenza della polizza, dato che quest’ultima sarà comunque attiva per 30 giorni dopo la data di scadenza del contratto. Va sottolineato, però, che questa proroga del periodo di tolleranza è valida solo per le responsabilità civili dei conducenti. In questa proroga, infatti, non sono incluse altre garanzie accessorie (furto e incendio, ecc).