elettricoElettrico Diesel, una scelta molto importante sopratutto in un periodo storico in cui a tutti gli effetti l’attenzione della popolazione si sta spostando verso le zero emissioni e l’essere completamente eco-friendly, sopratutto per cercare di limitare al massimo l’impatto ambientale.

E’ sotto gli occhi di tutti il livello di inquinamento estremamente elevato, è nostro dovere fare qualcosa per cercare di non raggiungere il fatidico punto di non ritorno, oltre il quale il male alla Terra sarà praticamente incurabile. Per questo motivo le aziende stanno lavorando alacremente, sfornando motori a combustione interna più accurati e meno inquinanti, con focus importanti sulle auto ibride e completamente elettriche.

Il popolo, lo si sa, non presta particolare attenzione al bene comune, quanto al proprio orticello, di conseguenza ci ritroviamo in una situazione in cui la maggior parte di noi acquisterà il modello più adatto alle proprie finanze ed esigenze. Date le premesse, è facile immaginare che l’automobile ancora più diffusa al mondo è il diesel; scopriamone i motivi principali.

 

Diesel ancora preferito all’Elettrico: ecco i motivi

  • Prezzo iniziale – il costo iniziale di una automobile diesel è sicuramente inferiore rispetto al corrispettivo elettrico, sebbene le differenze si stiano assottigliando.
  • Capacità del serbatoio – al giorno d’oggi un motore termico di ultima generazione è in grado di raggiungere anche 800km con un pieno, l’elettrico non supera purtroppo i 400km (nella migliore delle ipotesi).
  • Tempi di rifornimento – con una colonnina supercharge saranno necessari circa 30 minuti prima di riprendere la marcia, il rifornimento con una vettura a benzina/diesel richiede 3/4 minuti.
  • Diffusione dei punti di ricarica – aspetto più marginale fra tutti, ma comunque importante, sono considerati ancora troppo pochi sul territorio nazionale.