smartphoneGli smartphone, o meglio i cellulari di precedenti generazioni, possono davvero valere una piccola fortuna, se venduti al giusto collezionista. Poco tempo fa è infatti stato scoperto un mercato sommerso in cui modelli “dimenticati” sono stati rivenduti anche a decine di migliaia di euro.

Prima di parlare di cifre, è bene ricordare che quanto andremo a raccontare è  da considerarsi valido solo se il prodotto è commercializzato con scatola originale, funzionante e naturalmente in perfette condizioni. Le valutazioni potranno variare in relazione allo stato del terminale, di conseguenza la proposta dell’acquirente potrebbe risultare differente rispetto a quanto vi racconteremo di seguito.

 

Smartphone che valgono una fortuna: i modelli più richiesti

Uno dei modelli più richiesti, ed ancora oggi presente nelle case degli utenti nel mondo, è sicuramente il Nokia 3310, vera e propria pietra miliare della telefonia mobile, assolutamente in grado di far innamorare una generazione, oggi può essere rivenduto a circa 150 euro.

Sempre nella stessa fascia di prezzo incrociamo l’Ericsson T28, famosissimo successore dell’Ericsson T20, uno dei primi cellulari a conchiglia con display retroilluminato (ovviamente non a colori).

Le cifre iniziano a farsi interessanti nel momento in cui parliamo dell’Apple iPhone 2G, lo smartphone come lo conosciamo oggi, con tanto di display a colori touchscreen e possibilità di installare applicazioni. Le cifre di vendita oscillano tra 300 1000 euro.

Gli ultimi due modelli sono sicuramente molto rari, ma appetibili per il collezionista di turno, sono Motorola DynaTAC 8000X Mobira Senator. Entrambi di grandissime dimensioni e prodotti in poche unità verso gli anni ’80 del secolo scorso, possono far guadagnare anche più di 1000 euro.