coronavirus-muore-bancomat

Chi trova un amico trova un tesoro...”, ma in questo assurdo caso oseremmo continuare con: “…ma chi ha trovato il tesoro, cosa se ne fa dell’amico?“. Ebbene, la protagonista in questione è una giovane di 31 anni ricercata dai Carabinieri per frode informatica, accesso abusivo a sistema informatico e indebito utilizzo di carta di pagamento. Questa avrebbe aspettato con ansia la morte della sua anziana amica, malata di Coronavirus, per impadronirsi del suo Bancomat e così svuotarlo completamente. Ma le telecamere di videosorveglianza della banca in cui ha effettuato alcuni prelievi utilizzando carta e PIN della proprietaria, sono riuscite ad incastrarla. Ovviamente i cari della povera signora morta nell’ospedale Maggiore di Bologna non erano a conoscenza del grave accaduto.

Secondo gli inquirenti, la ladra sarebbe riuscita a sottrarle oltre diecimila euro con i quali avrebbe saldato un debito contratto con la banca. A giocare a suo favore vi era inoltre il fatto che i familiari della defunta si trovavano tutti ricoverati in ospedale per coronavirus. Secondo i militari avrebbe usato quella somma per estinguere, attraverso due bonifici bancari (eseguiti per via telematica), un vecchio debito di 10mila euro che aveva contratto con un istituto di credito. Come se non bastasse, avrebbe effettuato un prelievo aggiuntivo di 500 euro in contanti.

Le indagini sono iniziate nel momento in cui i parenti della 71enne hanno scoperto che  mancava una cifra piuttosto elevata dal conto della donna. Così le immagini delle telecamere hanno svelato tutto. La successiva perquisizione domiciliare avvenuta dai carabinieri ha portato la scoperta della 31enne a casa sua con il Bancomat rubato, concludendo così lo strano caso.

I soldi sono stati ovviamente recuperati e riportati nelle mani dei familiari.