canone rai

Obbligatorio per chiunque possegga un dispositivo in grado di ricevere il segnale del digitale terrestre, il Canone RAI si configura come una delle imposte più odiate dagli italiani. non è un mistero che nel corso del tempo siano state diverse le richieste per la sua abolizione eppure, ad oggi, nulla è mutato. Visto il malcontento popolare nei confronti di tale tributo, i cybercriminali hanno pensato bene di dar vita a una nuova modalità di truffa che sfrutta proprio il Canone RAI e fuorvia le menti delle possibili vittime sfruttando un possibile rimborso.

Una nuova truffa sfrutta il Canone RAI: ecco cosa bisogna prestare attenzione

In rapida diffusione grazie a delle email fraudolente, la nuova truffa che sfrutta il Canone RAI è stata già avvistata su numerose caselle di posta elettronica. Con un oggetto capace di attirare fin da subito l’attenzione di chi la riceve, la truffa architettata dai cyber criminali annuncia l’abolizione dell’imposta sulla televisione e il relativo diritto di ogni utente a ricevere un rimborso per la cifra spesa nel corso dello scorso anno. Al fine di acquisire maggiore fiducia negli utenti e quindi condurli direttamente nella trappola, i cyber criminali hanno deciso di introdurre nel corpo dell’email anche un link esterno molto subdolo. Chiunque abbia cliccato il collegamento, infatti, ha da subito notato la sfrontatezza dei criminali del web in quanto capaci di aver ricreato nei minimi particolari il sito dell’Agenzia delle Entrate così da illudere ulteriormente le possibili vittime e spinge le stesse ad introdurre i dati personali e di pagamento all’interno del form designato. Davanti a tali notizie il consiglio da tenere sempre a mente: prestare massima attenzione.