Google ha recentemente deciso di andare all’assalto del servizio di messaggistica istantanea con la rivoluzione degli SMS, per mezzo dell’utilizzo del nuovo protocollo RCS sviluppato dall’azienda di Mountain View stessa.

Dalla nascita del sistema operativo Android e dell’applicazione “Messaggi” inclusa al suo interno, Google ha sempre fatto grandissima fatica a competere con le aziende del settore della messaggistica, come WhatsApp Telegram, in quanto mai in grado di riuscire a competere veramente per funzionalità ed affidabilità generali.

Hangouts è stato un buco nell’acqua, sebbene inizialmente si potesse immaginare una diffusione più o meno alta nel mondo, le features non sono nulla di particolarmente invitante o differente rispetto a quanto già oggi possiamo apprezzare sulle piattaforme di proprietà di Facebook.

 

SMS 2.0 e Google: in arrivo una nuova app di messaggistica

Da qui è nata l’esigenza di proporre un nuovo servizio completamente rinnovato, basato sul protocollo RCS (Rich Communication Services), con l’obiettivo di ampliare le potenzialità degli SMS, portandoli al livello di, ad esempio, iMessage di Apple.

Dall’applicazione “Messaggi” (dovrebbe prendere il nome di Chat), il consumatore potrà infatti inviare fotovideo, GIF, emoji, documenti o file in generale. In questo modo i consumatori si scambieranno una quantità infinita di elementi, andando difatti ad ampliare le enormi possibilità messe sul piatto dalla messaggistica istantanea, e superando di gran lunga quanto oggi sono in grado di offrire WhatsApp e/o Telegram.

Il protocollo, come i più attenti di voi avranno notato, non è attualmente attivo in Italia, ad oggi risulta essere disponibile solamente in Francia Gran Bretagna, ma presto si pensa ne potremo usufruire anche noi.