windows mobile

Windows Mobile è ufficialmente fuori dai piani aziendali di Microsoft, visto che uno smartphone sviluppato da Redmond è in uscita nel 2020 con a bordo un OS Android. A meno di clamorosi ribaltoni, pertanto, pare che la fine del supporto al loro sistema proprietario sia definitiva.

Una storia travagliata che ha avuto una breve durata, quella di Windows Mobile, nonostante il sistema operativo avesse fatto breccia nei cuori degli utenti di alcuni importanti mercati. In Italia deve il suo successo grazie alla partnership con il brand Nokia, ma nulla che potesse impensierire Google Android e Microsoft ha deciso di rinunciare al confronto.

 

Windows Mobile RIP: Microsoft gli dice addio ufficialmente

Dunque Windows Mobile non riceverà più alcun aggiornamento né patch di sicurezza, con il rischio per i suoi affezionati utilizzatori che qualsiasi tipo di bug consenta la proliferazione di malware. Al contrario, e per paradosso, la suite di Office Mobile sarà supportata fino a gennaio 2021.

L’ultima versione basata sulla build di Windows 10 fu annunciata nel 2015 insieme all’arrivo del Nokia Lumia 950, Lumia 950 XL e Lumia 550, e come Windows Phone 8.1 è stato poi distribuito su una lunga lista di dispositivi non proprio top di gamma. Spenta la versione 8.1 nel 2017, Microsoft ha poi deciso di dismettere nel 2018 la produzione e la vendita di smartphone.

A fine mese del 2019 chiuderà la sezione del Microsoft Store dedicata a Windows Phone 8.1, mentre la pagina del portale riservata al supporto di Windows 10 Mobile rimarrà attiva almeno fino alla data stimata per la fine di Office.

Per i fan quindi si profila una storia sicuramente non a lieto fine, poiché ad oggi Microsoft non ha lasciato intendere in alcun modo che un giorno torni a produrre un sistema operativo su telefonia mobile.