blank

Al giorno d’oggi è divenuto fondamentale avere il telefono sempre a portata di mano, per qualsiasi comunicazione o evenienza. Sembra che, per come sta procedendo il mondo della tecnologia e delle telecomunicazioni, non sia più socialmente accettabile l’avere il telefono scarico (quante volte vi è capitato di sorbirvi quello sguardo di biasimo misto a riprovazione quando avete provato a confessare di avere la batteria a terra?).

Per far sì che lo smartphone sia sempre reattivo e carico, è necessario ricaricarlo al 100% prima di iniziare la propria giornata. E quale momento migliore per farlo della notte?

Durante la notte, il telefono non viene utilizzato e il suo proprietario giace beatamente tra le braccia di Morfeo. Sembra il frangente perfetto per mettere lo smartphone sotto carica, così da ritrovarlo pronto e scattante al mattino seguente. Nella speranza che preservi la batteria carica per il resto della giornata.

Ma è davvero una buona abitudine lasciare il telefono collegato alla presa di corrente per tutta la notte, anche quando la batteria risulta già arrivata al 100% di carica?

Smartphone in carica nella notte: quali sono gli effetti sulla batteria

E’ opinione diffusa che quest’abitudine non abbia risvolti felici sulla natura della batteria. Secondo il parere che sembrerebbe andare per la maggiore, il rischio sarebbe quello di usurare la batteria, nel momento in cui la si lasci collegata alla corrente anche al termine della ricarica.

In realtà, se questa obiezione poteva trovare fondamento fino a qualche anno fa, ormai è notoriamente riconosciuto che anche gli smartphone di fascia medio-bassa montino un chip di ricarica intelligente, che funge come da modulatore del flusso di corrente. Una volta raggiunto il 100%, il flusso si riduce quasi a zero, impedendo che la batteria continui a ricevere elettricità anche laddove non sia più necessario.

Pertanto niente paura: il vostro smartphone non rischia di surriscaldarsi o esplodere. L’unica accortezza da tenere presente, nell’eventualità, sarebbe quella di tenere lo smartphone lontano dal comodino.