raiLe truffe in rete sono purtroppo all’ordine del giorno, periodicamente gli utenti si trovano a dover affrontare problematiche di ogni tipo mantenendo l’attenzione ai massimi livelli per non incappare nel prosciugamento del conto corrente. In questi giorni impalla la truffa legata al rimborso del canone Rai.

Tutto ha inizio con il solito SMS o messaggio di posta elettronica inviato al malcapitato, chiaro esempio di phishing, con mittente l’Agenzia delle Entrate. Nel corpo del testo viene citato un ipotetico diritto del consumatore di ricevere un rimborso completo del canone Rai versato nel corso dell’anno, previo click di un link presente all’interno con inserimento di dati sensibili e conto corrente su cui effettuare il bonifico.

Niente di più falso e truffaldino, in nessun caso l’Agenzia delle Entrate vi contatterà per offrirvi un rimborso, sicuramente non tramite un messaggio di posta elettronica o addirittura un SMS. Sebbene il sito a cui vi collegherete e l’intestazione della mail siano a tutti gli effetti identici all’originale, è un fake bello e buono; seguendo le indicazioni andreste a consegnare i dati direttamente nelle mani dei cybercriminali senza scrupoli offrendogli libero accesso al conto corrente.

 

Truffa sul Canone Rai: come difendersi

La prevenzione è la migliore cura contro simili situazioni, se ricevete un messaggio di questo tipo cancellatelo subito senza indugio, senza premere il link interno.

Ricordate che è possibile richiedere l’esenzione dal canone Rai sul sito dall’Agenzia delle Entrate (se autocertificate di non possedere una TV, avete un reddito annuo inferiore agli 8000 euro o siete over 75), mai offriranno invece un rimborso di loro iniziativa.