Il Congresso ha lottato per anni per approvare una legge federale sulla privacy dei dati, ma venerdì i legislatori hanno ottenuto un inaspettato alleato nel CEO di Apple Tim Cook.

In un’intervista con ABC News, l’esecutivo ha affermato che le grandi aziende tecnologiche non hanno corretto i propri errori ed è giunto il momento per il governo di intervenire, idealmente con una legge federale sulla privacy. “Penso che tutti possiamo ammettere che quando hai provato a fare qualcosa e le aziende non si sono auto sorvegliate, che è tempo di avere una regolamentazione rigorosa“, ha spiegato, “e penso che abbiamo passato quel tempo“.

Ma mentre molti sono concentrati sulla suddivisione di aziende come Facebook in entità separate e più piccole, Cook ha anche detto che i regolatori sono troppo concentrati sull’azione antitrust e non abbastanza sulla privacy dei dati. Rompere le grandi aziende tecnologiche senza prestare attenzione a quanti dati degli utenti vengono ancora raccolti è inutile, ha affermato. “A meno che non si intraprenda un’azione in cui vi siano sostanzialmente meno dati nelle aziende rimaste“.

 

Apple: i motivi delle dichiarazioni di Tim Cook

La notizia arriva mentre i giganti della tecnologia, tra cui Apple, Amazon, Facebook e Google, affrontano numerose indagini antitrust da parte del Dipartimento di Giustizia e molti avvocati generali dello stato. Le società vengono accusate di pratiche commerciali anticoncorrenziali che potrebbero aver danneggiato i consumatori.

Cook ha ammesso che se una delle società si rivela essere un monopolio e i regolatori possono dimostrare di aver abusato di quel potere di monopolio, potrebbe essere necessaria una rottura. “Spetta ai tribunali e ai regolatori decidere, non a me decidere“, ha aggiunto. “Ma nel caso in cui la risposta sia sì, c’è un monopolio, sì hanno abusato, quindi il rimedio per uno di questi è rotto.

I commenti di Cook arrivano pochi giorni dopo che Apple è entrata in un nuovo campus ad Austin, in Texas, che dovrebbe costare 1 miliardo di dollari. In previsione dell’evento, Cook e il presidente Trump hanno fatto un tour in una fabbrica di elettronica fuori Austin, per evidenziare la produzione americana.

Il tour ha puntato i riflettori sull’insolita relazione di Cook con il presidente Trump, che è in gran parte sfuggito al controllo pubblico. Cook fa parte del comitato consultivo per le politiche della forza lavoro del presidente e ha utilizzato questa relazione per sostenere politiche favorevoli nei confronti di Apple.

Tale relazione ha anche impedito a Cook di correggere una serie di dichiarazioni inesatte fatte da Trump durante il tour. “Parlerò sempre di Apple, che voglio vedere Apple che costruisce impianti negli Stati Uniti, ed è quello che sta succedendo“, ha detto il presidente ai giornalisti dopo il tour della fabbrica. In effetti, l’impianto in atto non è di proprietà di Apple e produce Mac Pro dal 2013.